Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore
  • 1
  • 2
Prev Next

«Crescere figli forti», incontri a Borgotaro

cyberbullismo 2

L’istituto comprensivo “Manara” di Borgotaro, il Centro per le famiglie del distretto sanitario Valli Taro-Ceno e il progetto “Giovani e territorio” dell’Educativa di Strada, in collaborazione con gli enti locali, organizzano a Borgotaro un ciclo di incontri gratuiti e aperti alla popolazione sul tema della prevenzione del bullismo e del cyberbullismo: “Crescere figli forti”, questo il titolo dell’iniziativa che si svolgerà su tre giorni nella sala convegni dell’Unione dei Comuni in piazza XI febbraio, rappresenta un momento formativo pensato per promuovere un utilizzo responsabile delle nuove tecnologie, favorire il senso critico nei confronti dei media, prevenire situazioni di cyberbullismo e comprendere come intervenire nel caso esse si verifichino.
Il primo momento di confronto prenderà avvio giovedì 7 alle 20.30 e verterà su motivazione e crescita personale dei ragazzi di ogni età; a questo seguirà un secondo incontro giovedì 14 sui temi della comunicazione con bambini e adolescenti, mentre venerdì 22 si concluderà il ciclo con una discussione circa la costruzione di rapporti saldi e biunivoci.
Le serate, che si intendono rivolte soprattutto a genitori, docenti ed educatori, saranno condotte dallo psicologo Maurizio Iengo, il quale affronterà gli stessi argomenti anche nelle scuole di Borgotaro e Albareto, dove incontrerà le classi quinte elementari e seconde medie.
“Con i genitori si cercherà di lavorare in modo attivo, rendendoli protagonisti del confronto grazie alla professionalità di Maurizio Iengo – spiegano gli organizzatori –: in questo modo, una volta a casa possono sperimentare le nozioni acquisite con i propri figli. Più che conferenze, le serate sono discussioni partecipate, in cui genitori possono mettersi in gioco con esercitazioni, per rendere più efficaci e mirate le tecniche educative”.

Lorenzo Benedetti

Pubblicato il 5 marzo 2019


Ascolta l'audio   

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente