Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore
  • 1
  • 2
Prev Next

Tradizioni piacentine/8 - Immagini sacre nelle vie cittadine

fiore8


— di Fausto Fiorentini —

La città di Piacenza è ricca di edifici sacri: molte le chiese parrocchiali e poi i santuari.
Per tutti questi ultimi  citiamo Santa Maria di Campagna e Santa Rita, edifici collegati anche a manifestazioni pubbliche che  vanno oltre lo stretto momento religioso. Vi sono poi aspetti che ci richiamano il trascendentale, ma che spesso sfuggono all’osservatore che non abbia precisi intendimenti.
Ci riferiamo alle immagini sacre che troviamo dipinte, in molte vie, sui muri delle case.

Si tratta di una realtà che spesso molti non notano, specialmente in questi ultimi tempi in cui i nostri percorsi nelle vie cittadine sono tempestati da immagini di pubblicità o di comunicazioni di servizio. Quindi spesso camminiamo per le vie assorti nei nostri pensieri, ovviamente  quando è possibile camminare; in molte vie, quando è permesso, passiamo in auto.
Quello delle immagini sacre, sulle case private, è un settore che spesso ignoriamo, eppure è presente.
Sono tante, alcune sono in posizione  che notiamo senza difficoltà, altre un po’ meno.
Ne citiamo due, a titolo d’esempio.

Se uscite dal Duomo, verso via Vescovado, sulla via che avete  di fronte (strada di Guastafredda), subito sulla prima casa di sinistra, troverete un’immagine sacra (nella  foto). È solo un esempio.
Nessuno la nota e non ci risulta che sia stata particolarmente apprezzata come molte altre consorelle.
Un’altra la trovate presso la facciata della chiesa di San Francesco.

Diverso è il discorso dell’immagine sacra che troviamo nell’atrio della porta sulle mura, quella in fondo a via Borghetto.
Qui la parrocchia interessata ogni anno organizza una processione.
Ora la zona è abbastanza tranquilla, non nel passato, come certamente ricordano i non più giovani. Quindi questa Madonna chissà quali preghiere ha ascoltato dando prova di quanto grande sia la misericordia di Dio.

Quello delle immagini sacre sparse nelle vie della città, più che un patrimonio artistico (e lo è), certamente è una grande testimonianza di fede portata a contatto con la gente comune.


Pubblicato il 18 agosto 2019

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente