Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore
  • 1
  • 2
Prev Next

Archivio di Stato, si parla del senatore Spigaroli

spigaroli

Nell'ambito delle Giornate Europee del Patrimonio in programma il 21 e il 22 settembre, nella sede dell'Archivio di Stato di Piacenza a Palazzo Farnese,  è in programma un incontro dal titolo "Gli archivi donati: le carte del senatore Alberto Spigaroli". L'appuntamento è   sabato 21 settembre alle  10.30. 
Intervengono: Marcello Spigaroli, Eugenio Gentile, Arianna Bonè. L'iniziativa ha il patrocinio del Comune di Piacenza
Alberto Spigaroli (1922-2014) è stato un importante politico e amministratore piacentino. Dopo un periodo dedicato all’insegnamento e al sindacato scolastico, fu sindaco di Piacenza dal 1961 al 1963, poi fu eletto senatore per la Democrazia Cristiana nel 1963 sviluppando una lunga carriera politica (dalla IV alla VII Legislatura) e istituzionale. Negli anni 1974-1976 fu sottosegretario al neo-costituito Ministero dei beni culturali e ambientali e per dieci anni, dal 1989, fu membro del Consiglio nazionale per i beni culturali e del Comitato di settore per i beni architettonici, ricoprendone anche la carica di vicepresidente. Fece parte di vari Consigli e Commissioni, presiedette fino alla morte l'Ente per il Restauro del Palazzo Farnese e delle Mura Farnesiane da lui fondato nel 1965. Il fondo archivistico che i figli vogliono donare allo Stato  riguarda le sue numerose attività: quella di esponente della Democrazia Cristiana, quella politica in Parlamento, quella presso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali come Sottosegretario e come membro del Consiglio Nazionale  e di vari Comitati Scientifici; quella nel campo scolastico negli anni della riforma come membro del Sindacato Insegnanti e del Patronato scolastico; la gestione dell'Ente per il Restauro del Palazzo Farnese. In particolare l’archivio privato Spigaroli può essere considerato come un utile succedaneo dell’inesistente archivio della Democrazia Cristiana locale della seconda metà del XX secolo.
Ingresso libero.

Pubblicato il 19 settembre 2019

Ascolta l'audio   

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente