Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore
  • 1
  • 2
Prev Next

Delegazione Africa Mission in Uganda per i 25 anni dalla morte del fondatore

AMdelegazione

Un gruppo di operatori e volontari delle sedi italiane di Africa Mission Cooperation and Devolopment (Piacenza, Bucciano, Procida, Treviso, Urbino e Aspella) e da alcuni studiosi dell'Università Cattolica di Piacenza è partito domenica 17 per l'Uganda per un viaggio che si concluderà il 29 novembre.
AMagribusinessPer dodici giorni la delegazione sarà impegnata nella supervisione dei numerosi progetti che l’associazione sta portando avanti nella regione ugandese del Karamojoa e parteciperà alle celebrazioni per il venticinquesimo anniversario della morte di don Vittorio Pastori, che nel 1972 fondò il movimento Africa Mission a Piacenza.

Della delegazione, guidata dal direttore Carlo Ruspantini, fanno parte fra gli altri anche il presidente don Maurizio Noberini, il vice Giuseppe Ciambriello, il vertice di Cooperazione e Sviluppo Carlo Antonello e Angela Terzoni e Gianni Cravedi, vedova e figlio di Prospero Cravedi, fotografo storico di Africa Mission.
Per l’Università sono in viaggio i professori Vincenzo Tabaglio e Giuseppe Bertoni e il ricercatore Andrea Minardi, che guideranno i sopralluoghi alla Scuola di Agribusiness, un progetto formativo innovativo che ha sede nell’ex lebbrosario di Alito.

AMDonVittorio PastoriLungo il percorso il gruppo visiterà anche i campi profughi di Adjumani che ospitano i rifugiati del Sud Sudan.
Dal 22 al 24 sarà a Moroto, dove sono in programma diversi incontri in cui le autorità civili e religiose della regione del Karamoja ricorderanno la figura di don Vittorio e due grandi celebrazioni nella Cattedrale di Moroto, presiedute dal vescovo mons. Damiano Guzzetti.

Il 25 la delegazione ritornerà a Kampala in vista della partenza per l’Italia dove il gruppo arriverà l’ultimo giorno del mese.

Pubblicato il 19 novembre 2019

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente