Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore

Continuare a cercare Cristo

guarda cielo
I sogni del profeta Daniele ci raccontano di visioni terribili, di tenebre e bestie feroci. Così Dio ci insegna a leggere la storia e dobbiamo pregare lo Spirito Santo di concederci di guardare con gli occhi di Dio, occhi misericordiosi!
Dobbiamo riconoscere che a volte passano anni prima di riuscire a comprendere segni e sogni che hanno segnato la nostra vita.
Che cosa davvero Dio ci voleva mostrare in quel momento attraverso quella visione, di così fondamentale per la nostra vita?
A volte ci ha fatto incontrare delle persone, altre volte ci ha fatto cadere in basso per sperimentare che senza di lui, nulla possiamo.
A volte siamo stati presi da una grande gioia e da un evento che non ci aspettavamo, a volte un grande dolore ci ha chiesto di rientrare in noi stessi.
Quanti anni e quante forze abbiamo perso nel contrastare i disegni di Dio?
Con quanta pazienza invece lui continua a tessere la nostra storia di salvezza!
Nonostante il nostro temperamento, il Signore continua il suo cammino di santificazione della nostra vita attraverso l’amore.

L’ultima visione notturna di Daniele rivela di aver visto un Figlio d’uomo e quello è l’unico e il solo sguardo che dobbiamo conservare sulla nostra storia: riconoscere il Figlio dell’uomo.
Daniele vive una progressione e così noi dobbiamo cercare Cristo, per entrare appieno nella nostra verità, iniziare la ricostruzione e la resurrezione.
Anche se sino ad ora abbiamo apparentemente perso molto tempo facendo anche tanta fatica, dobbiamo aver fiducia nel suo arrivo che ricomporrà ogni nostro singolo giorno.
Non finisce tutto qui!
Abbi già sulla tua vita di oggi uno sguardo rivolto al cielo e alla vita eterna, per cui potrai dire che tutto è stato redento!
C’è la fatica da vivere, ma ci attende la resurrezione.
Già da oggi possiamo fare un atto di fede, sapendo che arriveremo fino a un certo punto, ma il Signore può condurci oltre, con la Grazia che ci precede.
Maria ci prende per mano ed è l’aiuto più grande che Dio ci ha concesso lungo il cammino, per trovare il coraggio di vivere la nostra storia attraverso il suo dono di sé. 

Estratto dalla Lectio mattutina
di madre Maria Emmanuel Corradini,
abbadessa del Monastero benedettino di San Raimondo,
del 29 novembre 2019, Dn 7,12-14

a cura di
Gaia Leonardi


Pubblicato il 5 dicembre 2019

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente