Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore
  • 1
  • 2
Prev Next

Salita al Pordenone apertura gratuita per l’Epifania

Nuova iniziativa della Banca di Piacenza in Santa Maria di Campagna. I visitatori che saliranno potranno fare richiesta del volume “I dipinti negati”

Salita al Pordenone 099

Nuova apertura della Salita al Pordenone per lunedì 6 gennaio, giorno dell’Epifania, decisa della Banca di Piacenza e dalla comunità francescana di Santa Maria di Campagna per soddisfare il desiderio di ammirare in quota gli affreschi di Antonio de’ Sacchis delle tante persone che non sono riuscite a salire in cupola l’ultimo giorno dell’anno, a causa dell’esaurimento dei posti disponibili (si sale a piccoli gruppi in quanto, come noto, il camminamento riaperto lo scorso anno dalla Banca è a senso unico, con scambio tra chi sale e chi scende a circa metà percorso, nell’assito dedicato a padre Corna).
La Salita sarà aperta dalle 10 alle 19, con partenza ogni 30 minuti accompagnati dalle guide di Operadarte. Prenotazione obbligatoria e gratuita per chiunque (Soci della Banca, Clienti e non Clienti) mandando una email a (per informazioni 0523.542356 - - www.salitaalpordenone.it - www.bancadipiacenza.it).
I visitatori che saliranno potranno fare richiesta del volume “I dipinti negati”, la storia delle opere (rimosse) che ornavano il convento di Santa Maria di Campagna, recentemente presentato dalla Banca. Dalle 16 alle 18 il pittore Cristian Pastorelli sarà presente in Salita per firmare le copie della pubblicazione che ha curato insieme a Emanuele Galba.
Al Pordenone - fanno notare dall’Ufficio Relazioni esterne della Banca - si sale gratis due volte: perché non si paga e perché l’evento non beneficia di soldi pubblici, né della comunità.

Pubblicato il 3 gennaio 2020

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente