Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore
  • 1
  • 2
Prev Next

Vigolzone celebra il suo patrono San Mario

dnlezoli

La parrocchia di Vigolzone si appresta a celebrare il suo Santo Patrono, San Mario, domenica 19 gennaio. Ma a metà del ‘900 la parrocchia non era ancora dedicata al santo. Nel 1966 la vecchia chiesa di Vigolzone, dedicata a San Giovanni Battista e risalente all'inizio del XIV secolo, cessò di essere adibita al culto, quando venne consacrata la nuova chiesa edificata su progetto dell’ingegnere Luigi Lapis e per volere del cardinale Mario Nasalli Rocca, che ne sostenne le spese per la costruzione. Per questo motivo, l’intervento del cardinale - che aveva nel cuore Vigolzone e Villò - è stata dedicata anche a San Mario. Com’è noto, la struttura della chiesa non ha eguali nella Diocesi di Piacenza-Bobbio: si presenta come un edificio moderno, in cemento, vetro e metallo, e dalla singolarissima forma ellittica. È a pianta centrale con tre archi molto alti sulla facciata. Una grande corona in metallo la cinge nella parte alta. Un’ardita cupola della superficie di 600 metri quadri copre l’edificio, affiancato da un altrettanto moderna torre campanaria in cemento armato e metallo, interamente traforata, alta 40 metri, che ospita 8 campane. Alla sommità della torre, a 40 metri dal suolo, è presente un globo sormontato dalla croce. Nell’ottobre del 1966, alla presenza del vescovo monsignor Umberto Malchiodi e del cardinale Mario Nasalli Rocca, la chiesa di Vigolzone venne consacrata. Da allora l’intestazione è per entrambi i santi: San Giovanni (24 giugno) e San Mario (19 gennaio), ma il patrono più sentito è il secondo.

 Le celebrazioni patronali. Vigolzone, insieme a Ponte dell’Olio, è uno dei due centri più popolosi all’interno dell’unità pastorale 1 del vicariato Valnure. Parroco di Vigolzone dal 2011 è don Piero Lezoli, che amministra anche le parrocchie di Villò, Albarola, Bicchignano e Veano. Suoi predecessori nel ‘900 sono stati i sacerdoti don Emilio Romanini, don Benvenuto Balordi, don Giovanni Dalla Negra, don Erminio Squeri, don Domenico Guglieri e don Cesare Lugani. Oltre alla messa della domenica (alle 11.15) celebrata da don Piero Lezoli, le iniziative della parrocchia sono rivolte anche ai più giovani.
Sabato 18 gennaio nel salone dell’oratorio, alle 20.30, si terrà il torneo di briscola e di “sette e mezzo” con le carte speciali – che hanno già debuttato nel 2019 – dedicate al Santo. Il gioco “Mario e mezzo” vede comparire sulle carte San Mario, la chiesa e altre figure conosciute dai vigolzonesi, come lo stesso don Piero Lezoli, ritratto in sella alla sua bicicletta. “Alla messa della domenica – fa sapere il sacerdote – presenteremo anche il gruppo di ragazzi che quest’anno riceverà la cresima. Si tratta di un bel gruppo di 35 giovani, a cui siamo molto legati. Hanno vissuto in questi mesi diverse esperienze. Insieme ai catechisti hanno affrontato un percorso di testimonianze, incontrando associazioni come “La Ricerca” e “Assofa”. La loro cresima si terrà domenica 3 maggio alla presenza del vescovo monsignor Gianni Ambrosio”. Terminate le celebrazioni dedicate al patrono, Vigolzone ricorderà insieme agli alpini, come ogni anno, la battaglia di Nikolajewka. Vigolzone ospita infatti – davanti al municipio – un monumento dedicato ai caduti di quella battaglia. L’appuntamento è previsto per domenica 26 gennaio.
Il primo febbraio, invece, la parrocchia di Vigolzone si dedicherà alla vendita delle torte per raccogliere fondi per le adozioni a distanza, in collaborazione con le suore del Buon Pastore.

Pubblicato il 15 gennaio 2020

Ascolta l'audio   

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente