Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore
  • 1
  • 2
Prev Next

Accogliere la gratuità dell'amore di Dio

amore

Tutti sappiamo che si vive in funzione dell'amore e che si può avere ogni genere di ricchezza, ma se non abbiamo chi ci ama, non sentiamo in noi la vita. Anche nella malattia il declino del corpo è sorretto dell'amore.
Il vangelo di oggi ci ricorda che noi amiamo Dio perché egli ci ha amato per primo. Basta quello.
Dio ci ama così come siamo e non per come possiamo contraccambiare.
L'umiltà è nell'accogliere la gratuità dell’amore di Dio.
"È da me che potete ricevere quell'amore che voi stessi non vi potete dare" - ci dice Gesù. Benevolenza, carità, grazia, amore per gli altri, capacità di perdono e misericordia non provengono da noi: quando ogni giorno dobbiamo ricominciare, possiamo attingere a ognuno di questi doni tramite la preghiera, mettendoci sotto lo sguardo di Cristo, il solo mediatore fra Dio e gli uomini.

 

Noi arriviamo stanchi, assonnati, ma desiderosi di sentir calare una parola di conforto che cambi ogni nostro giorno.
Dio ha bisogno del nostro cuore per abitarlo e ci guarda con una predilezione che nessun altro ci riserva.
Questo ci invita a dire “sì” al suo progetto di salvezza universale e quello che ci resta per avanzare nella storia è il nostro cuore.
Il frutto che rimane della nostra vita è la modalità con cui abbiamo saputo rispondere all'amore; resta la perseveranza nel tempo e la fedeltà che è il frutto maturo della libertà.
Corriamo anche noi il pericolo di vanificare tante occasioni di grazia, chiusi nei nostri pregiudizi. Diamo per scontato di conoscere tutto, di non dover apprendere nulla, invece rimaniamo fedeli alla Paola di Dio con l'Eucaristia, con lui dentro di noi potremo affrontare tutto con forza e speranza.
Gesù realizza la profezia di Isaia, la incarna, la rende possibile e credibile. Davvero egli è venuto per portare buone notizie e per liberare gli oppressi.

Estratto dalla Lectio mattutina
di madre Maria Emmanuel Corradini,
abbadessa del Monastero benedettino di San Raimondo,
del 10 gennaio 2020, Lc 4,14-22

a cura di
Gaia Leonardi


Pubblicato il 16 gennaio 2020

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente