Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore

Sale della terra e luce del mondo

gmg2016veglia14

Il Vangelo di oggi si ricollega direttamente al “discorso della montagna” di Gesù alla sua gente ne ricaviamo un'esortazione bellissima: “Voi siete il sale della terra, voi siete la luce del mondo”.
Sale e luce, verità e testimonianza.
Sale per dare gusto, per conservare, per purificare; luce per sconfiggere le tenebre.

Gesù avverte che per svolgere nel mondo la funzione del sale, occorre essere autentici e non diventare insipidi. Se il sale non mantiene le sue proprietà, allora non serve più, ma può solo essere buttato via.
Ci sono tanti modi di esprimere il proprio sapere e il proprio sapore, senza però perdere quelle capacità di dare un senso alla vita che il messaggio divino ha in sé.
Oggigiorno invece viene proclamato di tutto per dare gusto alla vita, scadendo così terribilmente sull'uomo.

Ma se si scade sull'uomo, è vera vita?
Quando sopprimiamo l'uomo o la donna con la loro dignità, che cosa ci rimane?
Si può essere sale e luce del mondo come ci invita a essere San Paolo, abbracciando il crocefisso.
Tutto svanisce davanti alla sapienza di Cristo.
Chi conosce la verità illumina, riesce a essere "sale" per il mondo, acquisisce un tocco in più che fa accedere alla grazia e spalanca orizzonti.
A noi interessa questo tipo di sapienza che illumina il mondo?

 

Noi dobbiamo fare una scelta: davvero siamo in grado di vivere una vita che ha in sé la vita di Cristo, oppure siamo diventati opachi e insipidi?
Oggi abbiamo elementi per capire da che parte stare e quale luce scegliere, se i bagliori della città o la Parola.
Noi vediamo la Croce come un legno che grava su di noi e non riusciamo a leggerci un segno d'amore. L'amore ci porta a cambiare, a illuminare la nostra vita e a diventare immancabilmente diversi giorno per giorno e questo inonda di gioia il cuore.
L’immagine della città sul monte vista da lontano illustra bene la missione della comunità cristiana: orientare i cammini dell’umanità. Quest’attrazione è un dovere e una responsabilità.

Estratto dalla Lectio mattutina
di madre Maria Emmanuel Corradini,
abbadessa del Monastero benedettino di San Raimondo,
del 9 febbraio 2020, Mt 5,13-16

a cura di
Gaia Leonardi


Pubblicato l'11 febbraio 2020

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente