Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore

Sabato 20 messa per le vittime della pandemia

Benediz

“Quando sarà finita questa durissima prova, celebrerò una messa di suffragio per tutti i defunti proprio al centro del cimitero, invitando la popolazione a partecipare”: lo aveva assicurato monsignor Gianni Ambrosio in occasione della preghiera del 27 marzo scorso al cimitero urbano, quando nella cappella - affiancato soltanto dai diaconi Sergio Fossati e Cesare Scita che vi prestano il loro prezioso servizio - aveva benedetto le tombe e pregato per i defunti.
Ma le vittime, purtroppo, sono diventate oltre 950 sul nostro territorio e il timore è che il piazzale del cimitero non riesca a contenere, nel rispetto delle norme di distanziamento, i familiari di tutti. Sarà quindi l’arena “Daturi” di viale Risorgimento ad accogliere la messa del Vescovo per le vittime della pandemia. La celebrazione è in programma sabato 20 giugno alle ore 10 (originariamente prevista per il 13, era stata rinviata a causa delle previsioni meteorologiche sfavorevoli). L'altare sarà allestito dagli Alpini. 

IL 21 GIUGNO ULTIMA MESSA ALL'APERTO ALL'OSPEDALE. Ultimo appuntamento per il ciclo di messe nel piazzale antistante la chiesa di San Giuseppe dell'Ospedale (ingresso da via Campagna 68), volute dal cappellano don Andrea Fusetti. Domenica 21, alle ore 10, la messa è “A ringraziamento per tutti i malati guariti dalla pandemia o altro”.

Pubbblicato il 16 giugno 2020.

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente