Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore

Verdeto, la pieve più antica del piacentino

antica pieve di verdeto

Antica pieve di Verdeto: è la più antica della provincia di Piacenza e sulle mappe è un puntino minuscolo nel Comune di Agazzano; lo si trova su una deviazione dalla strada provinciale che procede per Pianello Val Tidone. Domina la valle, veglia sulla Pianura Padana e a cielo terso da qui si vedono le montagne del Garda.
Qui s’insediò il cristianesimo nella zona di Agazzano, tra le prime comunità di tutta la provincia. Si trova sul tracciato del Cammino di San Colombano nell’ultimo tratto prima di Bobbio. Compare in un inventario bobbiese del X secolo, in cui viene indicata come domusculta, dotata di terreni ad uso agricolo; mentre dell’attuale chiesa romanica si ha notizia a partire dal XII secolo.

Amministratore parrocchiale della parrocchia di San Tommaso apostolo di Verdeto è don Pietro Cesena, parroco dei Santi Angeli Custodi a Piacenza, al quartiere Borgotrebbia.
“La gente che viene qui deve vedere la verità delle cose, sentire la spinta a cercare oltre”: così don Cesena presenta la storia di questo posto.

Per le ristrutturazioni si è prediletto il legno di cedro del Libano adatto per recuperi funzionali ed intelligenti; pietre di granito scartate da un pilastro del ponte del fiume Po crollato nel 2009 hanno permesso la realizzazione di un piccolo anfiteatro in pietra da cui si ha una panoramica su tutta la vallata.
Con i locali recuperati sono stati realizzati posti letto per il pernottamento, una cantina, servizi igienici, una sala da pranzo e una cucina.
Ogni decisione è stata presa in accordo con la Sovrintendenza ai Beni Culturali.

Il terreno pertinente alla parrocchia è piantumato a lavanda: con la vendita si ricaveranno fondi per continuare il recupero del complesso.
Innumerevoli negli anni gli interventi strutturali, resi possibili a diversi livelli da opere di beneficenza e donazioni da parte di affezionati del luogo.
“Prima dei soldi ci vogliono le idee - afferma don Cesena - e qui sono arrivati l’uno e l’altro”, soprattutto contributi gratuiti sotto forma di denaro e prestazioni di manodopera per aiutare il procedere dei lavori.
“Dopo si aspettano le persone giuste per rilanciarlo nel mondo e per quello serve ancora una mano dalla Provvidenza” , conclude il sacerdote.

Sito internet: http://www.anticapievediverdeto.it/

Gaia Leonardi

Pubblicato il 20 luglio 2020

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente