Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore

«La Parola sotto le stelle» torna il 23 luglio

franguelli

Proseguono al Preziosissimo Sangue gli incontri del miniciclo “La Parola sotto le stelle” organizzato da Azione Cattolica per tutti i giovedì del mese di luglio, incontri che guidano alla scoperta di personaggi ed episodi minori della Bibbia.
Il 16 luglio, il gesuita padre Bruno Franguelli ha condotto i presenti alla scoperta del significato dell’episodio dell’Adultera tratto dal Vangelo di Giovanni (Giov. 8, 4-11). Il prossimo e ultimo appuntamento è previsto per giovedì 23 luglio.

Le particolarità del Vangelo di Giovanni

Il vangelo di Giovanni, ha ricordato padre Franguelli, è tardivo e diverso dai tre sinottici, è più scandaloso, per certi versi, perché Gesù è spesso in conflitto con la religione e con i poteri del suo tempo. Ma nell’episodio dell’Adultera Gesù perdona la peccatrice senza rinnegare la legge. Si tratta di un episodio che manca negli scritti più antichi e che pare essere stato aggiunto in epoca tardiva. Per quale motivo? “Nella Chiesa antica il peccato di adulterio era uno dei più gravi -. ha spiegato padre Bruno Franguelli - Chi lo commetteva veniva cacciato dalla comunità e doveva subire una penitenza durissima. Alcuni studiosi, quindi, pensano che questo passaggio sia stato tolto dagli scritti più antichi perché il perdono di un tale peccato pareva davvero scandaloso”. Un altro problema che riguarda il passo di Vangelo è l’effettiva paternità della scrittura, non tutti concordano che l’autore sia proprio Giovanni, ci sono alcune espressioni in particolare, ha commentato padre Franguelli, che ricordano piuttosto i sinottici.


Il Dio della Misericordia

Ad ogni modo, ha sottolineato padre Bruno Franguelli, l’episodio dell’Adultera è ricco di significato e offre una immagine ben precisa di Gesù: il Cristo Misericordioso, che sa distinguere tra peccato e peccatore e sa perdonare. Gli uomini che vogliono condannare l’adultera, hanno in realtà la volontà di mettere in difficoltà Gesù: “La donna viene posta in piedi nel mezzo - ha detto padre Franguelli - come si usava per gli interrogatori giudiziari, ma il vero interesse degli accusatori non è la donna, è lo stesso Gesù, si vuole metterlo in una posizione scomoda: se Gesù assolve la peccatrice va contro la legge di Mosè, se invece la condanna si compromette con il popolo”. Ma Gesù senza timore si china e scrive per terra: “Alcuni studiosi hanno considerato questo atteggiamento come atto di imperturbabilità - ha proseguito padre Bruno - ma possiamo leggerci anche un richiamo a Geremia 13 dove si dice che i nomi dei peccatori sono iscritti nella polvere. Sono tanti anche gli esegeti che pensano che lo scrivere di Gesù sia un gesto profetico”.
“Gesù scrive con le dita, come Dio nell’Antico Testamento scrive le tavole della Legge - ha proseguito padre Franguelli -. In questo episodio Gesù sta scrivendo l’Amore, la Misericordia, la sua legge è questa”. Gesù, dopo aver terminato di scrivere, non risponde alle provocazioni, ma invita coloro che ritengono di essere senza peccato a scagliare una pietra riportando così gli accusatori alla coscienza e restituendo nello stesso momento la dignità alla donna, ridandole la libertà di riprendere il proprio cammino, di essere protagonista della propria vita: “Gesù non giudica nessuno -. ha concluso padre Bruno Franguelli - È venuto per i peccatori, non per i santi. Gesù fa giustizia perdonando, sceglie la misericordia senza mettersi contro la legge perché sa distinguere il peccato dal peccatore. L’unica cosa che ci è richiesta è di accettare la nostra miseria sapendo che Gesù è incline alla misericordia. Così anche noi potremo provare compassione per i fratelli e amarli fino alle viscere”.

Mariachiara Lunati

Pubblicato il 17 luglio 2020

                    

                                                                                                                                               

Ascolta l'audio   

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente