Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore

Riaperto il museo diocesano di Bobbio

piazza duomo a bobbio

E' stato riaperto il Museo Diocesano della Cattedrale di Bobbio, luogo ricco di storia e di bellezza per gli antichi ambienti e le opere d’arte in essi custodite. Sono oggetti liturgici, dipinti, reliquiari e paramenti che hanno attraversato i secoli e che il Museo, sito nel Palazzo Vescovile, ha scelto nuovamente di offrire in visione alle tante persone che raggiungono Bobbio, soprattutto nei fine-settimana.
Questo nuovo inizio è motivato profondamente anche dall’impegno della Caritas interparrocchiale di aiutare chi si trova nel bisogno economico e non solo. A chi visiterà il Museo viene offerta l’occasione di fare un’offerta per chi fa più fatica, pagando una sorta di “biglietto virtuale” per fruire della bellezza racchiusa nelle antiche stanze.                             
Il Museo  sarà visitabile tutti i sabati e le domeniche con i seguenti orari: sabato ore 16 – 18; domenica ore 10 – 12 e 16 – 18. Sono in programma anche alcune serate di visita, che nell’ordinario si svolgeranno il venerdì dalle ore 21 alle ore 23.                     
Per le ormai conosciute ed ovvie regole anti Covid-19, i visitatori dovranno essere radunati in gruppi di sole 10 persone, indossare la mascherina e sanificare le mani all’ingresso e all’uscita del Museo; dovranno seguire le indicazioni degli accompagnatori ed evitare assolutamente qualsiasi tipo di contatto con gli oggetti e le custodie che li contengono. La durata di ogni visita è fissata in 30 minuti, terminati i quali si deve lasciare il posto al gruppo successivo.                                               
La parrocchia di Bobbio esprime un grazie sentito ai Volontari del Museo, alle Signore della Caritas interparrocchiale, a tutti coloro che vorranno darsi disponibili nei servizi necessari e all’Ufficio per i Beni Culturali Ecclesiastici della Diocesi, che ha accolto di buon grado l’iniziativa.

Pubblicato il 28 luglio 2020     


Ascolta l'audio   

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente