Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore

La Giornata dell'Università Cattolica

alleati per il futuro, lo slogan della giornatadell'università cattolica

“Alleati per il futuro” è il tema scelto per la Giornata per l’Università Cattolica in programma domenica 20 settembre. La Giornata, come sempre promossa dall’Istituto Giuseppe Toniolo, ente fondatore dell’Ateneo, assume quest’anno un rilievo particolare perché si colloca tra due centenari: quello dell’Istituto, in corso in questo 2020, e quello dell’Università, che verrà ufficialmente inaugurato all’apertura dell’anno accademico ‘20-‘21. Alla vigilia del Global Compact on Education voluto da Papa Francesco per il 15 ottobre, la Giornata costituisce un fondamentale momento di riflessione sull’identità e il ruolo della Cattolica nel contesto della grande crisi mondiale dovuta alla pandemia. Siamo davanti alla necessità di un nuovo patto generazionale, di nuove prospettive per la formazione e la ricerca: sono gli assi portanti del contributo originale che l’Ateneo sarà in grado di offrire alla Chiesa e alla società nel suo complesso.
Diverse sono le iniziative dedicate alla Giornata. Tra queste Domenica
20 settembre, nella chiesa centrale della sede di Roma dell’Ateneo, sarà trasmessa dalle ore 11 in diretta televisiva su Rai Uno la celebrazione Eucaristica presieduta
da S.E. Mons. Claudio Giuliodori, assistente ecclesiastico generale dell'Ateneo.

Mons. Delpini: una riflesione dalla parola "vocazione"
L’arcivescovo di Milano e presidente del Toniolo mons. Mario Delpini, ha dedicato alla Giornata una riflessione a partire dalla parola
Vocazione” :«Anche se molti si impegnano per descrivere il futuro come una minaccia, come un enigma, come una confusione, il cristiano pensa che il futuro sia vocazione perché sollecita la nostra responsabilità, provoca la nostra libertà, pone domande alla nostra intelligenza, motiva il nostro impegno - queste le parole di monsignor Delpini -. Vocazione: il futuro ci chiama. Per andare incontro al futuro che ci chiama e per occupare il posto che ci spetta non si può andare da soli. Perciò ci vuole un’alleanza, alleanza di docenti e studenti, alleanza di Università e società, alleanza di scienza, ricerca con didattica. Ecco, ci vuole un’alleanza per andare incontro al futuro come a una vocazione. Per andare incontro al futuro come a una vocazione ci vuole fiducia. Perciò bisogna chiamare l’Università “Cattolica”, cioè quell’orizzonte in cui il futuro è una promessa. C’è qualcuno che ci chiama e ci chiama a una Terra promessa. Per andare incontro al futuro come a una vocazione, ci vuole pensiero, ci vuole competenza. Perciò c’è una Università. Ecco, il futuro è vocazione. L’Università Cattolica si propone di accompagnare al compimento delle proprie scelte decisive».

Il Rettore dell’Università Cattolica Franco Anelli
«La definizione della nuova data, dopo il rinvio imposto dall’emergenza sanitaria, diviene in questo difficile momento il simbolo non solo della volontà e possibilità di ritorno alla normalità delle nostre attività, ma altresì, e ancor più, del bisogno di compiere atti che ci facciano sentire comunità. Si è tante volte detto, negli anni passati, che la Giornata è il modo attraverso il quale l’Università si rende presente ai Cattolici italiani, si ripropone come il “loro” Ateneo e parlare di “presenza”, di questi tempi, ha una forte valenza evocativa, rimanda a una privazione che abbiamo tutti sofferto nelle scorse settimane, a un’esigenza di relazione che abbiamo imparato a coltivare diversamente – questo un passaggio del messaggio del Rettore, Franco Anelli -. L’Università Cattolica si avvicina al compimento del suo primo secolo di vita con il desiderio di confermarsi al servizio della Chiesa, avvertendo anzitutto l’urgenza che il progresso scientifico-tecnologico sia accompagnato da una corrispondente evoluzione culturale dell’umanità».

Pubblicato il 18 settembre 2020

Ascolta l'audio   

Ascolta l'audio   

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente