Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore

92 anni per don Giuseppe Longeri

longeri don giuseppe

La Comunità pastorale della Val Chero si è stretta attorno a don Giuseppe Longeri, nella giornata di domenica 10 gennaio,  per ricordare i suoi 92 anni di età. Il compleanno è oggi 11 gennaio.
E' stata anche l'occasione, dopo quaranta anni di servizio pastorale come parroco di Ciriano e amministratore di altre parrocchie della Val Chero (negli ultimi anni Travazzano e Chero), di comunicare la rinuncia all'incarico per motivi di età.

Alla celebrazione era presente il vicario generale mons. Luigi Chiesa che ha portato il saluto e il grazie del Vescovo Adriano e della Diocesi tutta.
Il moderatore della Comunità pastorale, don Giuseppe Frazzani, ha tratteggiato nella predica la vocazione di don Longeri; vocazione scaturita dal Battesimo  e culminata il il 12 giugno 1954 con l'ordinazione presbiterale.
Don Longeri, in conclusione, ha richiamato alla mente di tutti le parole del libro del Qoelet "c'è un tempo per ogni cosa". Ora è maturato il tempo della rinuncia, non senza fatica: come è stato faticoso quarant'anni fa accettare il servizio pastorale così è  faticoso compiere ora questo passo ma ha assicurato che continuerà ad essere a disposizione  delle parrocchie della Comunità pastorale, secondo le necessità e le possibilità.
Anche il Sindaco di Carpaneto ha portato un saluto riconoscente al termine della celebrazione; nel 2019 l'Amministrazione comunale aveva assegnato a don Longeri il premo "Il bene di Carpaneto" nella sua prima edizione.
Assieme a don Giuseppe è stata festeggiata anche la sorella Maria, da sempre al suo fianco (e a servizio delle parrocchie), che nei prossimi giorni raggiungerà anche lei l'ambito traguardo dei novant'anni di vita.

Pubblicato l'11 gennaio 2021

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente