Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore

Alla ricerca delle chiese scomparse

chiese scomparse

In ottemperanza alle prescrizioni del DPCM del 14 gennaio 2021 le proposte culturali continuano con alcune iniziative all’aperto organizzate da Cooltour s.c. in collaborazione con il Museo Kronos.
Ecco dunque in arrivo giovedì 25 febbraio alle 18 il ritorno di un itinerario che ha riscosso grande interesse da parte del pubblico: la sesta puntata di un viaggio a ritroso nel tempo, che intende svelare ma soprattutto raccontare il mito delle 100 chiese.
Partendo da Piazza Cavalli, il percorso cercherà di riportare in luce antiche vestigia di edifici oggi scomparsi o chiusi al culto: ne sono prova le Chiese di S. Bartolomeo e S. Maria di Piazza, demolite sul finire del XIII secolo per far posto all’erigendo Palazzo Gotico, o la chiesa dei Santi Giacomo e Filippo, che sorgeva dove ha oggi sede la centrale Banca di Piacenza in via Mazzini.
Il tour proseguirà poi in via Calzolai, con le tracce ancora visibili della vecchia chiesa di S. Maria Zoroalli, e in Piazzetta Plebiscito, un tempo occupata dalla chiesa dei Santi Faustino e Giovita. Meta finale del nostro viaggio sarà l’area del Foro Romano, ubicato non lontano da via Cavour ma il cui passato resta tutto da indagare: leggenda vuole infatti che sotto l’episcopato di Savino (seconda metà del IV secolo) venissero costruite le chiese di S. Martino in Foro, e le scomparse chiese gemelle dei Santi Gervasio e Protasio. Si tratta di una leggenda oppure di un tentativo da parte del vescovo Savino di cristianizzare luoghi pagani?
La visita si svolgerà all’aperto in tutta sicurezza, con partecipazione contingentata, uso obbligatorio della mascherina e distanza interpersonale di almeno un metro; è obbligatoria la prenotazione a (canale preferenziale) o al numero 3314606435.
La quota di partecipazione è di € 7 a persona. Attivazione a numero minimo di adesioni.

Pubblicato il 20 febbraio 2021

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente