Menu

L'Antonino d'Oro in Vaticano

Alla caorsana Linda Ghisoni il premio intitolato al patrono

ghisoni linda

Va a Linda Ghisoni, classe 1965, originaria di Caorso, sottosegretario al Pontificio Consiglio per i laici, famiglia e vita e consultore della Congregazione per la Dottrina della fede, l’Antonino d’Oro 2018.
“Il conferimento del premio - spiega il parroco della basilica del patrono don Giuseppe Basini - vuole essere un atto di stima e di gratitudine nei confronti di una donna piacentina che, con passione e generosità, si sta spendendo nell’educazione dei giovani (in famiglia e come docente universitario) e nel servizio alla Chiesa cattolica attraverso il ruolo di giudice al Tribunale di prima istanza del Vicariato di Roma e all’interno di due importanti organismi della Santa Sede”.
“Nella testimonianza di vita della dott.ssa Linda Ghisoni - prosegue don Basini -, riconosciamo alcuni «tratti» che possono essere presi come riferimento da tutti coloro che desiderano vivere con responsabilità la vocazione di fedeli laici all’interno della Chiesa e del mondo”.
Linda Ghisoni è sposata da 22 anni e ha due figlie di 19 e 17 anni. Ha conseguito il Vordiplom in filosofia e teologia nel 1991 alla Eberhard-Karls-Universität di Tübingen, in Germania. Alla Gregoriana a Roma ha completato gli studi conseguendo il Baccalaureato in Teologia, nel 1993, poi Licenza e Dottorato in diritto canonico con specializzazione in giurisprudenza, nel 1999, quindi il Diploma di avvocato rotale allo Studium rotale del Tribunale della Rota Romana, nel 2002.
Docente incaricato alla Facoltà di diritto canonico della Pontificia Università Gregoriana, autrice di pubblicazioni scientifiche nell’ambito del diritto canonico, il 7 novembre 2017 è stata nominata da papa Francesco sottosegretario per i fedeli laici al Dicastero per i laici, la famiglia e la vita e, il 21 aprile 2018, consultore della Congregazione per la Dottrina della fede.

Pubblicato il 6 giugno 2018.

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.