Menu

«Io sono sbagliata»

Gesù e la Samaritana: un incontro che guarisce

emmanuel

"Io sono sbagliata". È quel che pensa la donna samaritana incontrano Gesù al pozzo di Sicar.
È questo incontro il centro della meditazione con cui Madre Maria Emmanuel Corradini, abbadessa del monastero benedettino di San Raimondo, ha aperto ieri sera la decima edizione della Grande Festa della Famiglia.
La Samaritana si sente sbagliata perché ha fallito nell'amore, è stata ferita nella sua ricerca d'amore e ora si sente vuota. Ma Gesù si fa trovare assetato e stanco. Con il suo sguardo, le chiede una cosa sola: "Non nasconderti. Non nasconderti dall'amore vero".

Da questo sguardo diverso si apre la breccia che trasforma la ferita in una strada per rinascere. "Tutti abbiamo bisogno di sentire questa parola di Gesù: io ti ho amato di amore eterno, per questo ho avuto pietà di te. Fare la verità nell'amore è sempre una grande sofferenza, ma è necessario. L'amore ha bisogno della verità - ha evidenziato Madre Maria Emmanuel -. Solo così si diventa davvero liberi, non più schiavi del proprio passato. La Samaritana va dalla sua gente a testa alta, non più nascondendosi. Parla di Gesù. Li porta a Gesù. Diventa feconda. Anche noi siamo chiamati a generare Gesù in coloro che incontriamo".

Pubblicato il 14 settembre 2018.

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.