Menu

7 paia di scarpe da donna

7 paia di scarpe da donna

8ducato

A Borgotrebbia domenica 6 marzo lo spettacolo di Valeria Ducato

“Volevo un titolo accattivante, nel quale le donne potessero riconoscersi. Così ci ho messo una pennellata di frivolo, com’è la scarpa. Anche se poi le scarpe sono un pretesto per raccontare sette personaggi femminili. La protagonista viaggia in metropolitana, c’è molta calca e lei è timida, si imbarazza. Così tiene gli occhi a terra, vede solo le scarpe degli altri viaggiatori. È a partire dalle scarpe che immagina e racconta le vite di altre donne, oltre che la sua. Le scarpe sono ‘tolleranti’, fotografano quel che la donna è o si sente di essere in un determinato momento. Possiamo passare, con nonchalance, dal tacco a spillo alla ciabatta di pelo...”. Fa tappa all’oratorio della parrocchia dei Santi Angeli Custodi a Borgotrebbia domenica 6 marzo alle ore 18 lo spettacolo “7 paia di scarpe da donna”, di e con Valeria Ducato.

L’evento è promosso dall’associazione “Le Querce di Mamre”, che si occupa di maternità difficile, e vuole offrire, in vista della Giornata internazionale della donna, un’occasione di riflessione non banale, condotta però con il sorriso e la leggerezza di chi ha imparato - spiega la Ducato - “a scivolare nelle nuove sfide della vita senza fare troppa resistenza”.

Valeria Ducato è un’artista eclettica. Milanese, una laurea in architettura e il sogno di diventare attrice comica, per mantenersi inizia a fare la doppiatrice e la speaker, arrivando ad essere indicata come una delle voci italiane della pubblicità. A scrivere testi per il teatro inizia per colpa del duo Zuzzurro e Gaspare. In “7 paia di scarpe da donna” – di cui è autrice e una protagonista in scena - è uno spettacolo dal taglio ironico, per dare voce a quelle donne che - in silenzio, ogni giorno, nella condizione in cui la vita le ha messe - “pensano di non far nulla di speciale, mentre invece costruiscono, tengono insieme, servono e proteggono, veri eroi del nostro tempo”.

Leggi l’intervista a pagina 6 dell’edizione di venerdì 4 marzo 2016.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente