Menu

Verso la Gmg di Cracovia

                              Verso la Gmg di Cracovia

11giovani

In 500 giovani in Cattedrale all’appuntamento diocesano con il vescovo mons. Ambrosio

“La via più breve per giungere a se stessi gira intorno al mondo”. Questa frase del filosofo Herman Keyserling è stata lasciata in eredità ai gruppi giovanili che hanno partecipato con il vescovo mons. Gianni Ambrosio alla Gmg diocesana del 19 marzo in Duomo, come simbolo del viaggio che i giovani faranno il prossimo luglio: partendo dai diversi angoli del mondo potranno conoscersi e riconoscersi incontrandosi tra loro e con il Papa in un unico luogo, la città di Cracovia. A guidare l’incontro, come slogan, la frase del vangelo di Matteo: “Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia”.

È stata una celebrazione fatta di segni e di simboli: si è aperta con il suono del corno, che, secondo il libro del Levitico, indica l’inizio dell’anno giubilare. C’è stato poi il passaggio attraverso la Porta Santa della Cattedrale, che i 500 giovani presenti in piazza sono stati invitati a compiere al seguito del Vescovo e, a seguire, l’unzione della croce con oli profumati. Al termine, la consegna delle palme ai rappresentanti di ogni parrocchia in vista della domenica delle Palme.

L’intera celebrazione è stata animata da musica e canti, preparati dal coro diocesano, che hanno accompagnato i vari momenti di preghiera.

“Siamo in festa per la Giornata mondiale della gioventù - ha detto il Vescovo dopo la lettura di alcuni versetti del sesto capitolo del vangelo di Luca -, una festa che riguarda voi giovani, ma coinvolge tutti: famiglie, sacerdoti, vescovi, fino al Papa. A Cracovia saremo tutti in comunione con lui”.

Leggi articolo alla pagina 15 dell’edizione di venerdì 25 marzo 2016

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente