Menu

«So perché corro»

“Andrea e i Corsari della Maratona”: il 17 concerto per Anna

corsari

“Loro ci mettono le gambe che io non ho”. Conserva le medaglie delle gare a cui ha partecipato dentro un vaso di vetro nella sua camera. Ne ha totalizzate 16 finora. L’ultima è quella della Placentia Half Marathon di domenica. Andrea Callegari, 23 anni, diplomato al liceo “Colombini” in Scienze umane, è uno dei ragazzi con disabilità che partecipa alle gare con l’associazione “Andrea e i Corsari della Maratona”, la realtà nata a Piacenza da Alberto e Antonella Di Muzio in memoria del figlio morto a 15 anni per un tumore cerebrale. “È stata la nostra strada per affrontare il dolore e fare qualcosa di bello in nome suo per altri ragazzi. A dodici anni di distanza, possiamo dire che è stata la scelta giusta per noi”, sottolinea Alberto, reduce con un gruppo di “Corsari” dalla prima trasferta fuori dai confini italiani, a Madrid, per correre con Rebecca che sta facendo l’Erasmus in Spagna. “So perché corro”: lo slogan sulle loro magliette è un manifesto programmatico. La loro allegria detta il passo e coinvolge gli altri podisti e il pubblico.
Ma “Andrea e i Corsari della Maratona” non è solo corsa. In collaborazione con il Policlinico San Matteo di Pavia, ogni anno si prende a cuore una lista di dieci desideri di un bambino o una bambina malata. Per il 2019 la protagonista è Anna: è per lei che venerdì 17 maggio alle ore 21 alla Sala degli Arazzi del Collegio Alberoni si esibiranno in concerto I Tasti Neri e le Pink Voices. Ingresso: 10 euro. Prevendite: oppure tel. 328.7651061.

Pubblicato il 10 maggio 2019.

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente