Menu

Il dialogo interreligioso è un'urgenza sociale

 abudabi

 Il "Documento sulla Fratellanza Umana per la pace mondiale e la convivenza comune” è stato firmato a febbraio ad Abu Dhabi da papa Francesco e da Ahmad al-Tayyeb, grande imam di Al-Azhar, la moschea-università del Cairo punto di riferimento dell’islam sunnita, ovvero della maggioranza dei quasi due miliardi di musulmani del mondo. La firma è avvenuta nel contesto della benedizione della prima pietra di una moschea e di una chiesa che saranno costruite una accanto all’altra negli Emirati Arabi.
Il dialogo interreligioso è presentato come una vera e propria “urgenza sociale”, antidoto all’estremismo religioso e all’intolleranza che ha costretto il mondo - secondo un’espressione di papa Francesco - a fare i conti con “una terza guerra mondiale a pezzi”. Il rischio è che, a dispetto della sua portata storica, il documento venga liquidato come “affare” dei due firmatari, riservato alle alte sfere. “Invece è un cammino offerto e necessario a tutti”, evidenzia don Pierluigi Dallavalle, responsabile del Servizio diocesano per il dialogo interreligioso, che, insieme all’istituto di studi islamici “Averroé” di Piacenza, per diffonderne la conoscenza organizza un incontro sabato 8 giugno alle ore 18 all’Auditorium della Fondazione di Piacenza e Vigevano in via Sant’Eufemia 12.
I relatori saranno: don Paolo Mascilongo docente di Sacra Scrittura al Collegio Alberoni di Piacenza e all’ISSR Sant’Ilario di Poitiers di Parma. È parroco di San Sisto e direttore dell’Ufficio catechistico diocesano; Francesca Bocca insegna teologia e cultura islamica all’Istituto Italiano di Studi Islamici. È direttore dell’Istituto “Averroè” di Piacenza; svolge attività di ricerca all’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano; Donata Horak, teologa, insegna religione al Liceo “Gioia” ed è docente di Diritto Canonico allo Studio Teologico del Collegio Alberoni di Piacenza. Fa parte del Coordinamento teologhe italiane.

Pubblicato il 30 maggio 2019

Ascolta l'audio   

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente