Menu

Apre a Bobbio il «Nido dei piccoli»

nido

A Bobbio, centro della Val Trebbia, apre “Il Nido dei piccoli”, gruppo educativo che accoglierà bambini dai 3 mesi ai 3 anni. L’inaugurazione del “Nido dei piccoli” è in programma a Bobbio sabato 14 settembre. Si inizia alle 15 con la festa in piazza Duomo per i bambini con il Duo Duplex e il Mago Tano. Alle 17, taglio del nastro alla presenza del vescovo mons. Gianni Ambrosio; a seguire, aperitivo nel chiostro.
Nel caratteristico borgo di 3500 abitanti in tutto, si registrerà nel 2019  un raddoppio delle nascite; entro dicembre, contando quelli in arrivo, nasceranno 30 bambini. L’aumento delle nascite si deve soprattutto all’arrivo di famiglie giovani grazie all’incremento di occupazione che ha visto protagonista la Gamma Spa, azienda creata dall’imprenditore Marco Labirio.
All’inizio dell’estate il progetto del nido ha preso corpo con il coinvolgimento della parrocchia, della diocesi, del Comune e dell’azienda Gamma. “La diocesi - spiega l’economo don Piero Bulla - ha messo gratuitamente a disposizione gli spazi nel vecchio Seminario con l’ampio giardino interno; sono i locali in cui sorgeva la tipografia del settimanale La Trebbia, la cui redazione oggi si trova nell’ex Curia vescovile”. La ristrutturazione degli ambienti è stata finanziata dalla Gamma Spa, mentre il Comune, guidato dal sindaco Roberto Pasquali, si farà carico del costo del trasporto dei pasti dalla scuola primaria di Bobbio alla nuova struttura.
La gestione del nido è stata affidata alla Fondazione San Benedetto che a Piacenza, nello spirito di ispirazione cristiana della Fism, gestisce la scuola materna San Raimondo in corso Vittorio Emanuele con 70 bambini e due nidi, la “Pepita d’oro” e “C’era una volta”. Direttrice della scuola è Lucia Favari.

Pubblicato il 5 settembre 2019

Ascolta l'audio   

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente