Menu

Pastorale giovanile, contributo per i Grest

gruppo cn educatore copia

La Fondazione di Piacenza e Vigevano ha accolto con favore il progetto presentato dal Servizio diocesano per la Pastorale giovanile vocazionale e ha stanziato un contributo a sostegno dei Grest organizzati dalle parrocchie della nostra diocesi.
Siamo grati alla Fondazione di Piacenza e Vigevano per questa attenzione particolare verso la dimensione educativa delle nostre Parrocchie, già significata dal Protocollo pluriennale per il sostegno alle attività oratoriane durante gli altri mesi dell’anno.


Modalità e tempistiche per accedere al contributo
Quest’anno, a differenza dei progetti attivati negli scorsi anni, è cambiata la modalità di erogazione del contributo, anche a motivo della situazione particolare che stiamo vivendo.


Chi può partecipare
Possono accedere al contributo le Parrocchie della Diocesi che hanno presentato regolare documentazione per l’avvio del Grest presso il Servizio diocesano per la Pastorale giovanile vocazionale. Le Parrocchie che attiveranno il Grest nelle prossime settimane e non hanno presentato la documentazione possono ancora farlo (attenzione: nei successivi passaggi non sarà tenuto conto delle settimane di Grest eventualmente già svolte prima della data di comunicazione per l’avvio del Grest).

Come fare per richiedere il contributo
Sarà necessario trasmettere presso il Servizio diocesano per la pastorale giovanile vocazionale, entro il 15 agosto 2020:
- l’elenco dei bambini e ragazzi che hanno partecipato ad ogni settimana di Grest (nome, cognome, data di nascita). A tal proposito si ricorda che, nella modulistica circa la privacy in uso per la nostra Diocesi è prevista la possibilità di trasmettere i dati alla Diocesi di Piacenza-Bobbio;
- il volantino o manifesto o pubblicità del Grest con indicato il numero di settimane effettivamente realizzate;
- per le parrocchie che attiveranno il Grest anche nel mese di settembre sarà comunque necessario comunicare i dati degli iscritti aggiornati alla data del 15 agosto, non è possibile derogare oltre questa data).

Come viene calcolata la somma destinata alle Parrocchie
La somma destinata a ciascuna Parrocchia sarà calcolata in base al numero di bambini e ragazzi che hanno partecipato al Grest (singolo coefficiente -calcolato sul numero totale di bambini e ragazzi che hanno partecipato settimanalmente ai Grest di tutte le parrocchie aderenti- moltiplicato per la somma di utenti di ogni settimana di Grest attivata dalla Parrocchia).

Quando sarà comunicato l’importo destinato ad ogni Parrocchia
Il Servizio diocesano per la Pastorale Giovanile vocazionale entro il 31 agosto darà comunicazione alle Parrocchie della somma a loro destinata.

Come rendicontare le spese sostenute
Entro il 30 settembre la Parrocchia si impegna a trasmettere tramite mail al Servizio diocesano per la Pastorale Giovanile vocazionale ():

  • -  pezze giustificative per un importo pari al doppio della somma destinata alla Parrocchia. Sono ammesse fatture relative a acquisto di materiale ludico e di cancelleria, forniture di prodotti per le pulizie, servizio mensa/ristorazione, pullman, ingressi a parchi, piscine e altro (no scontrini o biglietti d’ingresso), attrezzature varie espressamente utilizzate per il Grest, cedolini regolamentari relativi a retribuzione di personale (educatori, addetti alle pulizie), utenze (per un importo pari o inferiore ad un terzo dell’importo da rendicontare). In linea generale non sono ammessi scontrini o ricevute generiche.

  • -  Codice iban del conto corrente verso cui versare il contributo.

  • Erogazione del contributo
    Tenuto contro che il Servizio diocesano per la Pastorale giovanile vocazionale dovrà preparare accurata rendicontazione e trasmettere il tutto alla Fondazione di Piacenza e Vigevano, l’erogazione del contributo verosimilmente avverrà in autunno inoltrato.

  • don Alessandro Mazzoni
    Dario Carini
    Incaricati diocesani
    Servizio per la Pastorale giovanile vocazionale
  • Pubblicato il 23 giugno 2020

Ascolta l'audio   

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente