Menu

«Prossima fermata»: agricoltura e relazioni solidali

progetto Prossima Fernata della Caritas di Piacenza a Cadeo

Anche per inserirsi - o reinserirsi - nel mondo del lavoro, a volte basta, insieme alla buona volontà, l'aiuto di qualcuno che indirizzi ed accompagni, offrendo magari anche un'opportunità a tempo che, senza essere la soluzione definitiva, offra  la possibilità di giocarsi e di rafforzare le proprie competenze. È la filosofia di “Prossima fermata”, il progetto nato nel luglio del 2019 alla Caritas diocesana per promuovere l’inserimento di persone in svantaggio lavorativo. Nella cascina di Cadeo sulla via Emilia concessa dall'Opera Pia Alberoni, si coltivano ortaggi nel rispetto dell'ambiente e si stanno mettendo le basi per un'attività più vasta - compreso un laboratorio di trasformazione per marmellate e giardiniere - all'insegna della cura del Creato, dell'educazione a nuovi stili di vita e dell'inclusione sociale. Finora sono quattro i tirocinanti coinvolti, ma si punta ad allargare il raggio d'azione. Fondamentale sarebbe poter trovare una famiglia disponibile a trasferirsi nella cascina e a dare una mano anche nel negozio che - misure anti-Covid permettendo - dovrebbe aprire a breve, aggiungendosi alla rete di distribuzione al centro "Il Samaritano" della Caritas a Piacenza e al mercatino del mercoledì di Des Tacum in via Croce Rossa, sempre a Piacenza.


Ma "Prossima fermata" non è solo agricoltura. È partita anche una squadra per servizi di manutenzione del verde o piccola manutenzione domestica e tinteggiatura. Daniele Bini, responsabile in loco del progetto, e Maria Grazia Porcari, che ne ha seguito la genesi e segue la parte di animazione rivolta a scuole, associazioni e parrocchie del territorio per incontri sulla sostenibilità ambientale e la custodia del Creato, spiegano cos'è e cosa si propone "Prossima fermata" e come poter richiedere i prodotti coltivati nelle campagne di Cadeo.

Sull'edizione di questa settimana de Il Nuovo Giornale, potete leggere un servizio più vasto sull'esperienza in corso con la voce dei protagonisti.

Pubblicato il 15 ottobre 2020.

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente