Menu

Bobbio, la statua del Redentore in piazza Duomo

statua redentore bobbio

A breve, per la prima volta, sarà esposto in piazza Duomo a Bobbio il Cristo Redentore.
"Ormai attendiamo la fine dei restauri, ma ci siamo", spiega don Silvio Pasquali, rettore dell’an
tico santuario. "Intanto ho già fatto domanda al sindaco Roberto Pasquali perché venga esposta la statua sotto al campanile più basso del Duomo di Bobbio, a fine mese. Un’occasione unica, in 120 anni, per vedere da vicino questo Cristo, mentre speriamo possano presto partire anche gli interventi di consolidamento del tetto al santuario di Monte Penice".
Al momento la statua si trova ancora all’Arse
nale, nelle officine di via Castello, per gli ultimi ritocchi.
La statua, realizzata dallo scultore Speluzzi di Milano, è realizzata in materiale differente, pro
babilmente in ottone, per spiccare alla vista riproducendo lo splendore del sole; non è dato sapere se il cuore fosse anche colorato con pigmenti. La croce non è un elemento decorativo ma è ciò che sorregge l’intera figura: è infatti la fonte della forza di coloro che credono in Dio. Il Cristo ci appare su una nuvola: su di essa, la presenza dell’iscrizione “in hoc signo vinces” (con questo segno vincerai).
L’intervento di restauro, dal valore di circa 20mila euro, è stato fortemente voluto da don Pasquali, considerato il deterio
ramento della struttura sia per il tempo sia per atti vandalici. Il progetto è dell’architetto Silvia Giorni, con la collaborazione dei tecnici Micaela Bertuzzi e Alessandra D’Elia.
L’opera di riqualifi
cazione è a carico del piccolo ente religioso, che si è rivolto alla cit
tadinanza per sostenere le spese attraverso una donazione al codice iban IT41R06230 6519000 0000963666 (Crédit Agricole).

Nella foto, il Cristo Redentore prima e durante i lavori di riqualificazione.

Pubblicato il 27 novembre 2020


Ascolta l'audio   

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente