Menu

Gropparello, il parroco don Groppi ha ricordato i 50 anni di sacerdozio

messalodo

Don Lodovico Groppi, parroco di Gropparello, ha ricordato alla messa di sabato 10 luglio i 50 anni di ordinazione sacerdotale, avvenuta proprio il 10 luglio 1971 nella chiesa di San Lazzaro alla presenza del vescovo di allora mons. Enrico Manfredini.
All'omelia, il sacerdote dopo il commento al Vangelo, ha ripercorso le tappe del suo ministero iniziato come curato prima a San Giorgio e poi in San Savino con don Paolo Alberoni per proseguire come cappellano militare, incarico che lo ha portato prima a Milano nel corpo dei bersaglieri; poi a L'Aquila nella guardia di finanza; di seguito il trasferimento nella guardia di finanza territoriale della Lombardia, nell'arma dei Carabinieri ad Ancona e anche nei Lagunari di Venezia.
Nel 2002 la nomina a parroco di Gropparello: a richiamarlo in diocesi fu mons. Antonio Lanfranchi  allora vicario generale, in seguito alla rinuncia del parroco don Giulio Melfi.

"Rifarei tutto quanto, ha commentato il sacerdote, è stata una vita bella, specificando, non una "bella vita": 50 anni è un traguardo significativo con momenti anche difficili. Ringrazio il Signore  che  in questi anni ha teso la sua mano sopra di me".
Poi il ricordo dell'amico di sempre e compagno di studi e di ordinazione mons. Giorgio Corbellini, morto nel 2019. Alla messa era presente il fratello.

A don Groppi sono giunti gli auguri di papa Francesco e del vescovo mons. Adriano Cevolotto.
Sentimenti di gratitudine sono stati espressi dalla comunità parrocchiale.
Hanno concelebrato  don Rosangelo Biella, don Giovanni Rocca, don Francesco Dutto e il diacono Giovanni Marchioni.
Don Groppi, al termine della celebrazione eucaristica, ha invitato i suoi parrocchiani a sfogliare due album di bellissime foto che ripercorrono questi 50 anni di vita sacerdotale e 19 anni di vita parrocchiale. 
Alla messa era presente il sindaco Claudio Ghittoni e il maresciallo della stazione dei Carabinieri Salvatore Cascio.

coro

Nelle, foto: in alto, don Groppi con i sacerdoti delle parrocchie del territorio comunale di Gropparello e il diacono Marchioni; sopra, il sacerdote con il coro parrocchiale che ha animato la litugia.

Pubblicato il 12 luglio 2021

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente