Menu

L'incontro annuale dei diaconi a Bedonia

diaconi madonna della guardia agosto 2021

Nella prima settimana dello scorso mese di agosto un gruppo di diaconi permanenti della diocesi di Piacenza-Bobbio e il gruppo di coloro che sono in formazione, si sono ritrovati nel seminario di Bedonia per il tradizionale incontro annuale di studio e di spiritualità.
La comunità diaconale è stata accolta e seguita con la tradizionale cordialità che connota tutto il personale del Seminario, a partire dalla costante presenza e disponibilità del Rettore, mons. Lino Ferrari.

Quest'anno il tema che ha accompagnato le riflessioni è stato quello della preghiera e dei salmi; le relazioni principali sono tate tenute da mons. Aldo Maggi, mons. Luigi Chiesa e don Michele Malinverni.
Il gruppo ha avuto anche una bella e significativa occasione di trascorre un'intera giornata con il vescovo mons. Adriano Cevolotto, che si è unito ai diaconi e alle loro mogli in occasione della visita al museo diocesano e alla Cattedrale di Genova; la comunità poi si è recata al santuario della Madonna della Guardia dove il Vescovo ha presieduto la celebrazione eucaristica.

Durante questi quattro giorni di intensa attività di formazione, preghiera e amicizia, il gruppo ha riflettuto - anche attraverso apposite riunioni - anche sul contributo che i diaconi permanenti possono dare alle nascenti comunità pastorali; è stato elaborato un documento che il delegato vescovile per il diaconato permanente mons. Celso Dosi, comunicherà in una delle prossime riunioni (previste per l'autunno) del Consiglio presbiterale.
Al gruppo dei diaconi e di coloro che sono in formazione, inoltre, sono state comunicate le date mensili (a partire dal prossimo mese di settembre) degli incontri di formazione che si terranno presso il Seminario Vescovile di Piacenza.

Nella foto, il gruppo dei diaconi con il vescovo mons. Cevolotto in visita alla Madonna della guardia di Genova.

Pubblicato il 13 agosto 2021

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente