Menu

Podenzano, posata la prima pietra della caserma

caserma

È stata posata la prima pietra della caserma dei carabinieri a Podenzano. Il presidio, richiesto dal comune della Valnure da tanti anni, è sempre più concreto. La posa della prima pietra si è così trasformata in un momento di festa per tutta la comunità podenzanese. La prima parte della caserma dovrebbe essere ultimata per la primavera del 2019. Alla cerimonia erano presenti il sindaco di Podenzano Alessandro Piva, il comandante della Legione carabinieri Emilia-Romagna generale Adolfo Fischione, il comandante provinciale colonnello Corrado Scattaretico, il prefetto Maurizio Falco, i parlamentari piacentini Paola De Micheli, Tommaso Foti, Elena Murelli e Pietro Pisani, i consiglieri regionali e diversi sindaci del territorio. All’edificio che sta per nascere ha impartito la sua benedizione anche il vescovo di Piacenza mons. Gianni Ambrosio, insieme all’ordinario militare dell’Emilia Romagna, don Giuseppe Grigolon.
L’edificio verrà realizzato nell’area dell’ex Gabbiani, che è oggetto di una riqualificazione importante che vedrà l’insediamento di un’area commerciale importante. Il primo stralcio di lavori costerà 550mila euro, e sarà a carico del lottizzante dell’area commerciale. Il completamento, invece, prevede una spesa di 850mila euro, e sarà aggiudicato con un bando pubblico.
Il comandante provinciale Corrado Scattaretico, già cittadino onorario di Podenzano, ha affermato che “renderemo questo presidio sempre più efficiente. Una stazione carabinieri realizzata senza che vengano intaccate le altre della provincia”. Il generale Fischione ha spiegato “che a dare un’accelerazione alla nuova caserma è stato lo stesso comandante generale dell’Arma, Giovanni Nistri. Mi chiese quali erano le priorità in Emilia Romagna e io risposi la stazione di Podenzano”.
La caserma sarà intitolata a Luca Di Pietra, carabiniere piacentino scomparso in servizio, vittima di un incidente stradale nel settembre del 2014. Alla posa della prima pietra era presente anche la sua famiglia: la compagna Alessandra con i due figli, insieme al collega Massimo Banci, con lui a bordo dell’auto e sopravvissuto all’incidente. Raggiante per l’importanza del gesto della posa della prima pietra il sindaco di Podenzano. “È un momento – ha detto Alessandro Piva - che attendevamo da moltissimi anni. Finalmente cominciamo a costruire una stazione nuova e cioè più carabinieri sul territorio per garantire più sicurezza. La sicurezza non ha colore politico. La costruiremo in breve tempo. Il cronoprogramma prevede che i lavori del primo stralcio, già iniziati, terminino nell’aprile 2019. Per il secondo stralcio, sono già pronti i bandi per la manifestazione di interesse - cioè il completamento. Entro fine novembre verranno aggiudicati i lavori. Entro la fine del 2019 contiamo di consegnare all’Arma la nuova caserma. Quest’opera - ha concluso Piva - è per la comunità e sarà abitata da chi è al servizio della comunità”.

Pubblicato l'11 settembre 2018

Filippo Mulazzi

Ascolta l'audio

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente