Menu

La Caccia ai tesori dell'arte

caccia

Sabato 28 settembre dalle ore 15.30 (ritrovo alle ore 14) arriva nel centro di Piacenza una caccia al tesoro a tema culturale, «Caccia ai Tesori dell’Arte». La città si popolerà di tanti piccoli e grandi "cacciatori" che, attraverso la risoluzione di semplici enigmi e giochi a tema, scopriranno storia, arte e cultura di Piacenza divertendosi! La “caccia” si articolerà complessivamente in 9 tappe in altrettanti siti culturali. Tappa dopo tappa si imparerà a conoscere il patrimonio della città con un gioco!  
L’iscrizione è gratuita.
La “caccia” è aperta a tutti ed è pensata soprattutto per ragazzi, bambini e famiglie. I partecipanti dovranno presentarsi in squadre precostituite, da un minimo di 5 ad un massimo di 10 componenti, con almeno un maggiorenne. Il numero massimo di partecipanti all’evento è fissato a 300 persone.
E’ necessario inviare una richiesta di iscrizione on-line compilando l’apposito form nella sezione “iscrizioni” del sito www.cacciatesoriarte.it dove sono disponibili l’intero regolamento e le FAQ. La richiesta via internet dovrà essere inviata entro le ore 12 di venerdì 27 settembre. Qualora ci fossero ancora posti disponibili, sarà possibile iscriversi anche direttamente in loco il giorno stesso della gara, un’ora prima della partenza della stessa.
L’appuntamento per la conferma dell’iscrizione e la consegna dei materiali per la partenza è in Piazza Cavalli, sotto i portici di Palazzo Gotico, alle 14.
Dalle 19.30 in Piazza Duomo avverranno le premiazioni e, grazie all’Associazione dei Panificatori di Piacenza e Provincia, la Pizza del fornaio sarà offerta a tutti!
Per ulteriori informazioni scrivere all’indirizzo mail: .
I promotori dell'iniziativa sono: Fondazione di Piacenza e Vigevano, Diocesi di Piacenza-Bobbio, Comune di Piacenza, Musei Civici di Palazzo Farnese, Galleria d'Arte Moderna Ricci Oddi, Kronos - Museo della Cattedrale, CoolTour s.c.

Pubblicato il 10 settembre 2019

Ascolta l'audio   

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente