Menu

Sabato 5 visite aperte in Fondazione con musica del «Nicolini»

In occasione di "Invito a Palazzo" a Palazzo Rota Pisaroni sarà visibile l'opera di Ghittoni "Visita alla compagna convalescente"

 ghittoniIMG 7613

La Fondazione di Piacenza e Vigevano in occasione dell'iniziativa "Invito a Palazzo" - promossa da ABI in collaborazione con Acri, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il Patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l'UNESCO e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali - sabato 5 ottobre apre le porte di Palazzo Rota Pisaroni alle visite guidate gratuite.

La sede della Fondazione - a Piacenza, in via Sant'Eufemia 13 - sarà aperta dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. Nelle sale dell’edificio settecentesco che ospita l’ente sono previste, ogni mezz'ora, visite con l’accompagnamento di una guida.
Inoltre, saranno aperti al pubblico anche gli spazi del prospicente Complesso di Santa Margherita, che ospita l’Auditorium e l’Antiquarium, visitabili di norma in occasione degli eventi culturali della Fondazione o, per quanto riguarda il percorso espositivo sotterraneo, su appuntamento.

L’iniziativa sarà l’occasione anche per due eventi musicali con protagonisti gli studenti del Conservatorio di Musica “Giuseppe Nicolini" di Piacenza.
Nel cortile di Palazzo Rota Pisaroni è in programma un'installazione sonora con voci e suoni dal Po realizzato dagli allievi dei corsi di Musica Elettronica, Musica Applicata, Tecnico del Suono con la supervisione dei professori Roberto Doati, Riccardo Dapelo e Marco Alpi. Ne sono autori: Morgan Soares, Davide Croci, Pietro Fontanesi, Pierpaolo De Francisci, Luca Frigo, Luca Guidarini, Matteo Roberti, Niccolò Vito Romano, Veronica Solinas.
Nel salone d’onore di Palazzo Rota Pisaroni è invece in programma la diffusione di brani dall’Archivio sonoro del Conservatorio "Nicolini".

Nella sala d’ingresso di Palazzo Rota Pisaroni sarà visibile un pregevole dipinto di Francesco Ghittoni, "Visita alla compagna convalescente", realizzato dall’artista piacentino nel 1914. L'opera è stata concessa in comodato d'uso gratuito dal proprietario.

Oltre al dipinto di Ghittoni, Palazzo Rota Pisaroni custodisce varie opere. Sarà possibile ammirare anche i quadri di una collezione che la Fondazione ha esposto nel corso di una mostra nel 2015; tra gli autori, Cassinari, Morlotti e Mosconi.

Giunta quest’anno alla XVIII edizione, l'iniziativa "Invito a Palazzo" è nata per far conoscere al pubblico gli straordinari patrimoni artistici e architettonici, gli arredi e le opere d’arte di ogni epoca, custoditi e tutelati dalle Banche e dalle Fondazioni nelle proprie sedi, normalmente chiuse al pubblico perché luoghi di lavoro.

Pubblicato il 4 ottobre 2019

Ascolta l'audio

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente