Menu

Cena benefica per il progetto «Fratelli straordinari»

cenaDopo

Una cena benefica per sostenere il progetto "Fratelli straordinari", finalizzato a ragazzi e ragazze con fratelli o sorelle disabili e ai loro genitori: organizzata da Angsa (associazione nazionale genitori soggetti autistici) e Fondazione Pia Pozzoli - Dopo di Noi, è in programma sabato 9 novembre, nella parrocchia del Preziosissimo Sangue (Piacenza, via Zanella).
Per informazioni e adesioni (entro il 6 novembre): 328.3681734 (Licia) o 347.8457808 (Lucia).

Il progetto "Fratelli straordinari" si avvarrà della collaborazione dell’ortopedagogista Bert Pichal e si articolerà in una serie di incontri, rivolti sia ai genitori sia ai ragazzi, divisi per età.
“Questo percorso nasce - spiega Lucia Cervato di Angsa Piacenza – per fornire un supporto a famiglie con bambini con neurodiversità o disabilità e si rivolge in particolare ai fratelli di questi ragazzi, che finiscono spesso per sentirsi trascurati”.
Si vuole creare uno spazio esclusivo per i fratelli e le sorelle di ragazzi disabili, in cui possano divertirsi e giocare liberamente, esprimere i propri vissuti emotivi, condividere con i coetanei la propria esperienza, avere informazioni circa le particolarità che il proprio fratello presenta, ricevere strumenti pratici per migliorare la relazione con i propri familiari.
Parimenti si vuole creare uno spazio di riflessione per i genitori, in cui le mamme e i papà possano condividere con altre famiglie le proprie fatiche, riflettendo su bisogni, pensieri e desideri dei propri figli e considerando le sfide e le opportunità dell’essere un genitore di figli speciali.

Gli incontri guidati dal dott. Bert Pichal sono aperti a tutti i siblings della città e della provincia di Piacenza.
Per informazioni e adesioni : , cell. 366.9533096 -

Pubblicato il 4 novembre 2019

Ascolta l'audio

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente