Menu

A Cadeo arriva l'InformaGiovani

info 

Orientamento al lavoro e al percorso scolastico, formazione, e partecipazione alla vita del territorio. Tutto questo da giovedì 28 novembre i giovani di Cadeo lo troveranno nel nuovo "InformaGiovani" presso "Tappa 37", il circolo MCL presente a Roveleto dallo scorso aprile. "Un simile servizio di orientamento dedicato ai giovani non è mai stato presente nel nostro Comune - spiega Marco Bricconi, primo cittadino di Cadeo -. I nostri giovani godono di numerose opportunità e vivono una molteplicità di esperienze   ma talvolta hanno bisogno di un accompagnamento per riconoscerle, rendersi consapevoli delle competenze che hanno, InformaGiovani sarà un prezioso strumento per poterlo fare".
"Dopo esserci aggiudicati un bando regionale dedicato ai giovani abbiamo aperto una manifestazione d'interesse e Cefal ci è parsa la presenza giusta e competente per la nostra realtà - spiega il vicesindaco Marica Toma -. Qui i giovani dai 15 ai 29 anni troveranno un valido punto di riferimento: potranno chiedere consigli, essere aiutati a scrivere curricula o a fare un bilancio delle loro competenze".
Lo spazio Informa Giovani sarà aperto il lunedì e il giovedì dalle 16 alle 19 e a guidarlo ci sarà l'operatrice Cefal, Ilaria Lolini. InformaGiovani non sarà solo uno sportello informativo ma sarà a disposizione dei ragazzi che qui potranno sostare, studiare o accedere alle due postazioni internet. "Informagiovani vuole essere uno spazio formativo, dove i ragazzi siano protagonisti , anche sul territorio", spiega Ilaria Lolini.
"Da 40 anni abbiamo centri di formazione professionale e lavoriamo coi ragazzi dai 14 anni fino ai neo laureati - precisa Fabio Federici, membro dell'esecutivo regionale Cefal -. A Cadeo siamo attivi da sei mesi gestendo il centro Socio ricreativo Tappa 37 ma e con InformaGiovani desideriamo offrire un'opportunità ai ragazzi, dove trovare informazioni ma anche opportunità di coinvolgimento nella vita della comunità".

Pubblicato il 2 dicembre 2019

Ascolta l'audio   

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente