Menu

UBI Banca, a Piacenza filiale «digitale»

 ubi

È stata inaugurata a dicembre a Piacenza la nuova filiale di UBI Banca in via Colombo 19, alla presenza di autorità insieme a Stefano Vittorio Kuhn, responsabile della Macro Area Territoriale Milano Emilia Romagna di UBI Banca, Cristian Berselli, direttore territoriale Emilia Romagna, e Luca Mazzari, direttore della filiale. A benedire la filiale è intervenuto don Piergiovanni Cacchioli, parroco del Corpus Domini.
“L’istituto di credito – sottolinea un comunicato - ha presentato il nuovo concept di filiale che punta sulla trasformazione dei bisogni dei clienti, l’innovazione e la digitalizzazione. Sono gli elementi che guidano il rinnovamento di 700 sportelli di UBI Banca su tutto il territorio nazionale in un contesto di complessiva modernizzazione dei servizi bancari. Il crescente utilizzo di canali multimediali per le tradizionali operazioni di sportello hanno spinto l’istituto di credito a migliorare l’esperienza della clientela, ripensando il modello di filiale e trasformando l’operatività da analogica a digitale. Ai tradizionali canali di accesso ai servizi si affiancano canali che permettono una maggiore autonomia dei correntisti e una più efficiente attività in filiale”.
“È motivo di orgoglio poter essere presente a Piacenza per inaugurare questa filiale, già aperta al pubblico, ma rinnovata strutturalmente e concettualmente attraverso l’integrazione tra canale fisico tradizionale e sistemi digitali avanzati”, ha dichiarato Stefano Vittorio Kuhn, responsabile della Macro Area Territoriale Milano Emilia Romagna di UBI Banca. “Un nuovo layout all’insegna del futuro e della semplicità per migliorare i servizi bancari e rendere l’esperienza dei clienti sempre più immediata. Un intervento che vede nascere anche la figura dell’assistente digitale, un collega che farà da tutor ai clienti per agevolare al massimo il rapporto con la nuova tecnologia offrendo assistenza professionale”.

Pubblicato il 14 gennaio 2020

Ascolta l'audio 

Ascolta l'audio   

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente