Menu

Protezione Civile, nuove attrezzature per il gruppo «Vega» grazie alle Proloco

vega

È stato inaugurato sabato 11 gennaio, presso la sede dell’associazione Vega-Protezione Civile a San Giorgio Piacentino, il modulo A.i.b. (antincendio boschivo), con serbatoio da 400 litri di acqua, scarrabile montato sul cassone del pick-up 4x4, mezzo già in comodato d’uso all’associazione da parte dell’Unione Valnure Valchero dallo scorso anno. Il modulo A.i.b., acquistato grazie al contributo dell’Unione Valnure Valchero e al contributo delle Proloco di Podenzano, Carmiano, Groppovisdomo, Gropparello, Sariano e Carpaneto, contribuirà a supportare in caso di richiesta i Vigili del Fuoco nella bonifica degli incendi boschivi, con personale appositamente addestrato, sia a livello locale che a livello provinciale per il tramite del Coordinamento del Volontariato di Protezione Civile a cui l’associazione aderisce. Importante altro compito che si presterà a svolgere, in via secondaria, sarà la possibilità di usare il modulo sugli interventi idrogeologici per la rimozione di fango depositato su pareti e pavimenti delle abitazioni a seguito di esondazioni, come avvenuto recentemente a Mulino di Carmiano.
A completamento delle attrezzature destinate al rischio incendio boschivo sono stati inaugurati anche una motosega acquistata grazie alla Assicenter SAS e un motosoffiatore, indispensabili per operare nei punti dove non si riesce ad accedere con i mezzi, acquistato grazie al 5x1000 dei cittadini che hanno voluto, con una semplice firma, sostenere la Odv Gruppo Vega. Presenti all’inaugurazione il comandante della Polizia Locale Valnure e Valchero Paolo Giovannini e i sindaci Alessandro Piva (Podenzano), Gianluca Argellati (Vigolzone), Claudio Ghittoni (Gropparello), Andrea Arfani (Carpaneto) e Donatella Alberoni (San Giorgio).

Pubblicato il 14 gennaio 2020

Ascolta l'audio   

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente