Menu

Ottanta ore di volontariato per la comunità, un premio per i giovani gragnagnesi

gaia

Sono tanti i modi per impiegare parte del proprio tempo a favore della comunità e molti giovani di Gragnano, da diversi anni, lo fanno aderendo al progetto regionale Youngercard.
Amanda Anselmi, Martina Aradori, Claudia Bacci, Marcello Barocelli, Lorenzo Benedetti, Irene Bonodi, Giada Buttacavoli, Denise Carini, Daria Carini, Gaia Cassinari, Carolina Castellani, Silvia Chiapponi, Alessandra Ciceu, Eleonora Covati, Matteo Mazzoni Nadia Paratici e Luigi Sfolcini hanno offerto gratuitamente oltre ottanta ore lavorando presso le Feste e Sagre di paese, il Grest Parrocchiale o la Biblioteca Comunale. A tutti loro, a nome dell'Amministrazione comunale di Gragnano, il sindaco Patrizia Calza con l'assessore ai servizi Sociali Marco Caviati e l'assistente sociale Anna Maria Romanini hanno recentemente consegnato una tessera pari a 50 euro ciascuna da spendersi presso un esercizio commerciale di Gragnano che, nell'occasione, ha deciso di aderire alla convenzione regionale impegnandosi così a praticare sconti a tutti i ragazzi, ad oggi 118, aderenti al progetto. “La youngercard regionale – commenta l’Amministrazione gragnagnese - attivata nel nostro comune fin dall'origine grazie al coordinamento della Responsabile del Servizio Sociale e delle sue collaboratrici, è un modo intelligente oltre che originale per promuovere il volontariato e la cittadinanza attiva. Ad ogni giovane che supera le 80 ore di volontariato viene offerto un dono, dal valore poco più che simbolico. Vuole essere il grazie della comunità a chi si mette a disposizione gratuitamente interpretando quella «cultura del dono» il cui valore e efficacia oggi anche molto importanti economisti stanno riscoprendo”.

Pubblicato il 12 febbraio 2020

Ascolta l'audio   

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente