Menu

Strade e scuole: i cantieri della Provincia

raineri

Dalle scuole alla rete stradale: tanti i cantieri estivi della Provincia di Piacenza. I lavori - che non era stato possibile svolgere prima a causa dell'emergenza Covid-19 - permetteranno di migliorare le condizioni di percorribilità e la sicurezza delle strade provinciali, nonchédelle scuole superiore gestite dall'Ente di via Garibaldi.

Entro ferragosto, lungo le strade della Provincia, saranno avviati  21 interventi, per circa 3,5 milioni di euro, inclusi i lavori appena terminati della tangenziale Sud-Ovest. Sono invece 25 gli ulteriori cantieri che verranno avviati entro la fine di settembre, per lavori da 4,3 milioni di euro. Dalla Provincia fanno inoltre sapere che 15 nterventi  riguarderanno la sistemazione del piano viabile per circa 40 chilometri di strade provinciali, 5 importanti manufatti, tra cui il ponte della cantoniera lungo la Valnure e il Ponte Tidone lungo la strada Mottaziana, mentre i restanti andranno per lo più a  ripristinare i danni causati dall'ondata di maltempo del 2019 e degli anni precedenti. Tra questi, la sistemazione della frana dei Folli, la strada provinciale n. 412 e altri lavori sulle strade dell'Appennino.
“Far ripartire i cantieri per rilanciare l’economia del nostro territorio, migliorando la sicurezza e le condizioni di transitabilità delle strade provinciali, seppur con la consapevolezza che spesso comportano piccoli disagi all’utenza - rimarca la presidente Patrizia Barbieri -. Il miglioramento continuo della fruibilità delle nostre infrastrutture stradali e scolastiche è, infatti, il principale compito della Provincia”.

Cantieri a pieno ritmo anche per le nuove palestre scolastiche, sia a Piacenza che a Castel san Giovanni, e per gli interventi di ripristino e messa in sicurezza di pareti esterne e locali del liceo scientifico Respighi e l’Istituto tecnico agrario Raineri-Marcora.
La Provincia di Piacenza ha ottenuto dal Ministero dell’Istruzione 750mila euro dai fondi FESR – PON, già inseriti nel bilancio con provvedimento di urgenza. D'intesa con i presidi, questi fondi saranno utilizzati per adeguare, allestire o migliare la sicurezza degli spazi in diversi istituti, in vista del nuovo anno scolastico che deve fare i conti con le misure di distanziamento legate all'emergenza sanitaria.

Pubblicato il 31 luglio 2020.

Ascolta l'audio

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente