Menu

Nove Agriturismi donano 500 euro per una scuola in Uganda

alito

 

Basta un chicco di riso a unire Piacenza e l’Uganda. Nove agriturismi della provincia di Piacenza hanno donato 500 euro ad Africa Mission Cooperazione e Sviluppo: si tratta di aziende di Campagna Amica associate a Terra Nostra che hanno aderito alla campagna benefica “Abbiamo riso per una cosa seria” promossa da Focsiv e Coldiretti, acquistando 85 chili di riso. Il ricavato, a cui si è aggiunta una donazione del presidente Ugo Agnelli e del direttore Claudio Bressanutti di Coldiretti Piacenza, ammonta a 500 euro e verrà destinato alla Scuola di Agribusiness di Alito, che Africa Mission Cooperazione e Sviluppo gestisce da qualche anno in Uganda.
La consegna dell’assegno si è svolta nella sede di Coldiretti Piacenza alla presenza del direttore di Africa Mission Carlo Ruspantini, del presidente di Coldiretti Ugo Agnelli, dell’agronomo Celestino Poggioli e della referente della campagna Elisabetta Dordoni.
Ad aderire alla campagna sono stati: “Le rondini società agricola” di Lodino di Gazzola, “Casa Nuova” di Rivergaro, “Il Castello di Folignano” in località Castello di Ponte dell’olio, “Azienda agrituristica Val Riglio” di Ronco di San Giorgio, “Cascina Morina” in località Morina di Bobbio, “Tenuta Casteldardo” di Besenzone, “Oasi del Gargatano” di Piacenza, “Molino fuoco” in località Mulino Fuoco di Podenzano e “Oddi agriturismo Il viandante” in località Spada di Borgonovo.
“Per noi il sostegno di queste aziende è importante – spiega Ruspantini – attraverso la campagna “Abbiamo riso per una cosa seria” aiutiamo sia i produttori della Coldiretti, sia gli agricoltori formati nella Scuola di Agribusiness di Alito”.
“Siamo orgogliosi che alcuni agriturismi abbiano voluto dare una mano a una realtà attiva in Uganda come Africa Mission Cooperazione e Sviluppo – spiega Agnelli – personalmente ricordo don Vittorione e quando penso all’Africa un pensiero va a lui. Il fatto di poter sostenere gli agricoltori in Uganda in un momento difficile come quello attuale ci fa piacere: ci auguriamo di poter continuare a essere vicini all’associazione”.  

Pubblicato il 20 novembre 2020   

           

Ascolta l'audio   

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente