Menu

Velodromo di Fiorenzuola, Giuseppe Aletti è il nuovo presidente

Giuseppe Aletti


Passaggio di testimone alla presidenza del Velodromo di Fiorenzuola, con Giuseppe Aletti che subentra a Gaetano Rizzuto, che resta come Presidente onorario.
Rizzuto, dopo cinque stagioni al vertice della società che gestisce e coordina l’attività all’interno del Velodromo “Attilio Pavesi”, ha deciso di presentare le dimissioni a causa di “nuovi impegni professionali, a livello nazionale - le sue parole -, che non mi permetteranno più di dedicare, come presidente, tutto il tempo che sarebbe necessario alle attività del Velodromo, un fiore all’occhiello non solo per la provincia di Piacenza, ma per tutto il ciclismo italiano. La forza di questa realtà è il grande gruppo di persone che vi opera, con professionalità, passione e affiatamento”.
Dimissioni accettate dal Consiglio, il quale ha espresso la volontà che Rizzuto resti presidente onorario del Velodromo. Carica accettata di buon grado dal presidente uscente.
All’unanimità è stato poi eletto come nuovo presidente Giuseppe Aletti, fiorenzuolano, da oltre vent’anni uno dei volontari storici del Velodromo e della 6 Giorni delle Rose Internazionale: “Accetto con spirito di “servizio” questo incarico – le parole di Aletti -, onorato della fiducia riposta in me da un gruppo di amici che considero praticamente una seconda famiglia e nel quale c’è un coesione straordinaria, che ci permette ogni anno di proporre la 6 Giorni delle Rose, le gare giovanili e, talvolta, altre manifestazioni internazionali di grande prestigio, ultimo il campionato Europeo Junior e Under 23 del 2020. Questo 2021, con la pandemia ancora in corso, ci pone di fronte a nuove sfide. Abbiamo già messo in calendario la 6 Giorni, dal 30 giugno al 5 luglio, e presto andremo a fissare le date di diverse gare giovanili. Con l’auspicio che si possano svolgere regolarmente. Di certo, come nel 2020, noi ce la metteremo tutta”.

Pubblicato il 26 gennaio 2021

Ascolta l'audio

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente