Menu

Candidati, facciamo un patto

Le famiglie interpellano la politica

patto bis

Un patto in tre punti: sottoscrizione del #pattoXnatalità; la condivisione del principio che i figli sono un bene comune; l’impegno a sostenere politiche familiari che vadano oltre l’assistenzialismo e riguardino tutti gli aspetti della famiglia: lavoro (soprattutto per i giovani), casa, conciliazione lavoro-famiglia, asili, fisco, tariffe.

È l’appello che il Forum delle Famiglie pone all’attenzione dei candidati alle Politiche del 4 marzo. Anche il Forum dell’Emilia Romagna lo ha rilanciato. Tra i candidati in lista per Piacenza e provincia, finora hanno sottoscritto l’impegno: per i collegi plurinominali alla Camera Massimo De Matteis (Fratelli d’Italia), Andrea Pasini (Noi con l’Italia-Udc), Laura Cavandoli (Lega), Angela Bertazzoni (Civica Popolare Lorenzin), Gianluca Nicolini (Forza Italia), Paola De Micheli (Pd); per i collegi plurinominali al Senato il piacentino Marco Bergonzi (Pd), Brunella Mainardi e Roberta Rigon (Fratelli d’Italia), Laura Schianchi (Forza Italia), Mario Taliani e Robertino Ugolotti (Civica Popolare), Stefania Violi (Noi con l’Italia-Udc), Maria Laura Mantovani, Gabriele Lanzi e Claudio Brandoli (M5S). I candidati possono comunicare l’adesione entro il 25 febbraio; i nominativi sono on line sul sito emiliaromagna.forumfamiglie.org.

IL POPOLO DEL FAMILY DAY INTERROGA LA POLITICA. Sempre sul fronte dell’associazionismo, giovedì 1° marzo il coordinatore nazionale del Comitato Difendiamo i nostri Massimo Gandolfini è in città per un confronto con i candidati. Appuntamento alle ore 20.45 all’auditorium Sant’Ilario di via Garibaldi 17. Al tavolo dei relatori siederanno con lui Carlo Dionedi, vicepresidente nazionale dell’Associazione Famiglie Numerose, e il prof. Maurizio Dossena, referente Educazione-Scuola Cdnf Piacenza. Moderano Gabriele Borgoni e Andrea Fenucci, referenti del Cdnf piacentino.

Pubblicato il 22 febbraio 2018.

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.