Menu

Percorso di mondialità consapevole

percMond


Quasi alla fine del mondo: inizia venerdì 9 marzo l'edizione 2018 del percorso di mondialità consapevole promosso da Svep, Università Cattolica, Caritas diocesana e Associazione Piccolo Mondo. Tema di quest'anno: "Le politiche in un mondo in movimento".

Alla prima serata, alle ore 18.15 in Sala Piana all'Università Cattolica di Piacenza (via Emilia Parmense, 84) interviene Domenico Quirico, giornalista de "La Stampa".

"Il Percorso di mondialità consapevole, nella sua quinta edizione - si legge nella presentazione -, vuole provare, con l'aiuto di esperti, a interpretare la storia mentre sta accadendo, suggerendo chiavi di lettura per individuare le politiche in atto e le loro tendenze evolutive nei vari continenti". Lo si farà con "l'aiuto anche di giovani testimoni piacentini - prosegue il comunicato - che hanno toccato con mano tali contesti". Insieme a loro si cercherà "di comprendere la realtà e di immaginare strumenti e strategie di impegno personale e collettivo".

Sono in programma in totale dieci incontri, dal 9 marzo al 26 maggio; ogni incontro con un docente o un esperto verrà seguito la settimana successiva da un incontro con testimonianze di persone e realtà territoriali impegnate sul tema della mondialità consapevole.

Tra gli obiettivi, anche quelli di stimolare la riflessione per rendere più inclusive le relazioni con le altre culture e di offrire strumenti informativi e operativi per chi fa solidarietà internazionale.

Il percorso è aperto a tutti. Quota di iscrizione € 30,00 (gratuita per studenti). L'iscrizione deve essere effettuata entro l'8 marzo nella sezione della Formazione permanente del sito dell'Università Cattolica di Piacenza.
Per informazioni: Formazione permanente dell'Università Cattolica del Sacro Cuore, tel. 0523.599194, e-mail

Pubblicato il 28/2/2018

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.