Menu

logo new2015 okabbonamenti banner 750

Il Nuovo Giornale tra le mani di papa Francesco

45papaNG

“Il Nuovo Giornale” finisce nelle mani di papa Francesco. C’era anche una rappresentanza del nostro settimanale all’udienza del Santo Padre con il mondo della comunicazione promossa da Uspi, Unione stampa periodica italiana, di cui fa parte anche la Fisc, la Federazione italiana stampa cattolica che ha compiuto cinquant’anni nel 2016.
Sabato 16 dicembre il plotone di giornalisti, capeggiati dal cremasco don Giorgio Zucchelli, presidente dell’Uspi, e dal bresciano don Adriano Bianchi, alla guida della Fisc, è stato ricevuto nella Sala Clementina del Palazzo apostolico in Vaticano.

“La Fisc - ha ricordato don Zucchelli al Papa durante l’udienza - raduna le testate delle nostre diocesi, la voce delle nostre comunità ecclesiali, radicate nel territorio con l’obiettivo di diffondere valori ispirati al Vangelo”.
Il presidente Uspi, che negli scorsi anni è stato alla guida anche della Fisc, ha chiesto al Papa “una benedizione e un incoraggiamento per il nostro lavoro, oggi più difficile per la crisi che ha provocato e provoca la chiusura di tante testate, purtroppo anche di quelle delle diocesi”.
All’udienza hanno partecipato il direttore de Il Nuovo Giornale don Davide Maloberti, Ada Papa e Elena Bocchi in rappresentanza della redazione e il collaboratore Filippo Mulazzi.

Leggi articolo alla pagina 12 dell’edizione di giovedì 21 dicembre 2017

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.