Menu

Viaggio missionario in Brasile

1 18viaggioBrasile

Inizia oggi, 12 gennaio, il viaggio missionario in Brasile di una delegazione della nostra diocesi. La compongono il vicario generale mons. Luigi Chiesa, il rettore del Seminario di Bedonia mons. Lino Ferrari, i sacerdoti, già missionari in terra brasiliana, don Giuseppe Frazzani e don Alfonso Calamari e le laiche Giuseppina Fiorani e Maria Vittoria Gazzola, già impegnate in progetti missionari.

Sono trascorsi oltre 50 anni da quando alcuni sacerdoti piacentini misero piede per la prima volta in Brasile (nel 1964 don Pietro Callegari e don Giuseppe Castelli, seguiti nel 1967 da don Luigi Mosconi e don Virgilio Zuffada) e la nostra Diocesi vuole tener vivo il legame con le diocesi d’Oltreoceano terre di missione, in particolare quelle di Picos e di Roraima.

Altro scopo di questo viaggio è di essere presenti come diocesi, domenica 21 gennaio, alla consacrazione della nuova chiesa di Cantà dedicata a San Rocco. L’edificio sorge nella città dove mons. Giancarlo Dallospedale è parroco e responsabile di un centro pastorale. Al suo interno verrà collocato il dipinto di Cristian Pastorelli (nella foto).

Durante il viaggio il gruppo incontrerà le realtà missionarie sostenute dalla nostra diocesi, nonché altre esperienze pastorali delle chiese locali; in particolare la comitiva incontrerà i sacerdoti piacentini tuttora presenti - don Giancarlo Dallospedale, don Luigi Mosconi, don Carlo Roberti - ed alcuni religiosi e laici.

La delegazione inoltre si incontrerà con i vescovi delle due diocesi sopra citate: mons. Plìnio Josè Luz da Silva (vescovo di Picos) e mons. Mario Antonio da Silva (Vescovo di Roraima); avranno anche un incontro con mons. Luigi Ferrando (già vescovo di Bragança).
Il ritorno della comitiva è previsto per il 1° febbraio.

Ascolta l'audio

Pubblicato il 12/1/2018

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.