Menu

logo new2015 okabbonamenti banner 750

San Vincenzo de' Paoli
L'inventore della carità organizzata
in epoca moderna

15sanVincenzoDePaoli COP
Nato tra i contadini della Francia del sud all’epoca delle Guerre di Religione,
san Vincenzo è stato convertito dalla grazia di Dio a donarsi soprattutto
alla gente povera della campagna abbandonata.
Per arrivare a capire il suo carisma ha dovuto attraversare le peripezie
di una vita tortuosa, ma guidata dalla Provvidenza che gli ha aperto
strade impensate.
Così in un’esistenza avventurosa ha potuto servire i poveri
di tutte le categorie sociali: dai galeotti ai trovatelli; dai rifugiati nelle città
a causa della guerra e della fame ai cristiani schiavi in Tunisia.
Ha lanciato la sfida della carità nel mondo femminile, introducendo nella Chiesa
l’organizzazione capillare del servizio ai poveri nelle parrocchie di Parigi
e la novità di una congregazione femminile a totale servizio dei poveri.
Si è impegnato per la riforma del clero di Francia.
Ha operato nell’epoca di Richelieu e Mazzarino,
sostenendo la dignità e la causa del povero come vocazione fondamentale
della Chiesa.
È stato proclamato dalla Chiesa “Patrono universale di tutte le opere di carità”.

 

L'AUTORE.
Padre Erminio Antonello è missionario di san Vincenzo.
Ha fatto i suoi studi seminaristici a Torino; si è licenziato i
n Teologia Fondamentale a Milano con una tesi sul Modernismo;
si è specializzato in Bioetica al Gemelli di Roma.
Sta curando per le Edizioni Vincenziane di Roma la traduzione in italiano
dell’Opera Omnia di san Vincenzo de’ Paoli, di cui sono usciti otto volumi.
Ha svolto vari incarichi nella Congregazione della Missione
e tra le Figlie della Carità.
È stato provinciale dei missionari vincenziani della Provincia di Torino.
Attualmente è superiore e docente al Collegio Alberoni.

 

San Vincenzo de' Paoli.
L'inventore della carità organizzata in epoca moderna
Supplemento a "il Nuovo Giornale" di giovedì 18 gennaio 2018

Disponibile in redazione (Piacenza, via Vescovado 5)
Per informazioni: tel. 0523.325995 -

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.