Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore

Concerti per organo a San Polo e Agazzano

Forto Les Brumes

Gli ultimi due concerti della XXXIII^ Edizione della Rassegna “Antichi Organi. Un patrimonio da salvare” si terranno, sabato 17 e domenica 18 ottobre  alle 21 a San Polo e ad Agazzano.

Sabato 17 a San Polo

Sabato 17 ottobre, ore 21 nella Chiesa di San Paolo Apostolo a San Polo di Podenzano si esibiscono  Martina Parravano, soprano e  Alessandro Alonzi, all'organo.
Martina Parravano
Intraprende gli studi del canto giovanissima e si diploma in canto lirico nel 2011, presso il conservatorio “Alfredo Casella” de L’Aquila. Successivamente inizia il perfezionamento sotto la guida del maestro Michela Sburlati. Ha partecipato a diversi concerti come solista, con orchestra e con pianoforte, riscuotendo grande successo critica e pubblico, in Italia e all’estero (si segnalano in particolare le tourneé con l’Orchestra “Emozioni in Musica”). Si è esibita, inoltre, in diversi festival in duo con l’organista Alessandro Alonzi: si menzionano tra gli altri i concerti tenuti in Spagna (Fuente el Sol, Valladolid), Venezia (Chiesa di San Trovaso), Modena, Vasto (Abruzzo) e diversi altri nelle Marche e nel Lazio. Ha frequentato diverse masterclass, l’ultima delle quali con il soprano Mietta Sighele.
Contestualmente agli studi musicali, si è laureata nel 2013 in “Lingua e Letteratura straniera” presso l’Università degli Studi de L’Aquila, specializzandosi in francese e spagnolo.

Alessandro Alonzi (Sora, 1988) è attivo come direttore, organista, korrepetitor e direttore di coro. Diplomato organo e composizione organistica con il massimo dei voti, specializzato in organo ad indirizzo solistico con lode. Ha conseguito inoltre la laurea con il massimo dei voti e la lode in Direzione d’orchestra sotto la guida del M° Bufalini e la laurea magistrale in Filologia Classica con il massimo dei voti e la lode. In qualità di direttore si è esibito alla guida dell’Istituzione Sinfonica Abruzzese, dell’Orchestra da Camera della Marsica e di altre realtà sinfoniche, dirigendo nel campo sinfonico, operistico e sacro. E’ stato selezionato come allievo attivo dell’Accademia di alto perfezionamento in Direzione d’Orchestra per opera presso il teatro Coccia di Novara, per l’anno 2018/2019.
Ha tenuto concerti in Italia ed Europa (Nieuwe Kerk, Amsterdam; Orgel Park, Amsterdam; Grote Kerk, Alkmaar; Valladolid e Nava del Rey, Spagna; Lens, Francia ecc.). Ha suonato come solista e con orchestra, invitato da prestigiose istituzioni quali: Accademia Italiana di Organo (Pistoia), Reate Festival (Rieti), Associazione A. Marcello (Venezia), Festival di Modena e dell’Emilia Romagna (Modena), Accademia organistica Elpidiense (Fermo), “Festival Sanctae Juliae” (Livorno), Solisti Aquilani (L’Aquila) e molte altre.


Domenica 18 concerto ad Agazzano

Domenica 18 ottobre, alle ore 21 Agazzano,  nella Chiesa di Santa Maria Assunta si terrà il concerto dei DUO LES BRUMES, con Enea Luzzani, al flauto e Tommaso Maria Mazzoletti all'organo.
Enea Luzzani, nato nel 1993, ha intrapreso lo studio del flauto fin da giovanissimo. Si è diplomato nell’Ottobre 2009 sotto la guida della prof.essa R. Montrucchio presso il Conservatorio “G. Cantelli” di Novara col massimo dei voti e la lode e si è in seguito perfezionato con M. Marasco a Firenze e A. Oliva a Roma e Lugano, dove ha conseguito nel Giugno 2017 il Master of Arts in Music Performance. Ha vinto premi in numerosi concorsi nazionali ed internazionali, tra i quali si ricordano i seguenti: Concorso Flautistico Nazionale “E.Krakamp 2014”, Concorso Internazionale “Crescendo 2014”, Concorso Internazionale “Riviera Etrusca”, Concorso Internazionale “Rovere d'Oro”, Concorso Internazionale “Nuovi Orizzonti-Città di Arezzo”, Concorso Nazionale di Giussano, Concorso “Borse di Studio Gazzelloni 2012”. Fa parte del Duo “Les Brumes” (flauto e organo) con T. Mazzoletti e dell’Orchestra di flauti “Zephyrus”, coi quali si esibisce regolarmente in Italia e in Europa. Ha collaborato con l’orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza, l’Orchestra Sinfonica Giovanile della Svizzera, l’orchestra Sinfonica “Città di Magenta”. E’ docente titolare della cattedra di flauto traverso presso il Liceo Musicale “Veronica Gambara” di Brescia dal Settembre 2017.
Tommaso Maria Mazzoletti è un concertista, organista e direttore artistico. Nato a Novara nel 1991, inizia al pianoforte la sua formazione e scopre la sua vera vocazione per l’organo all’età di 12 anni. Il suo percorso di studi comincia nella sua città e prosegue al Conservatorio “Ghedini” di Cuneo nella classe di Organo e Composizione Organistica di Massimo Nosetti, dove si diploma con il massimo dei voti. Segue un periodo di sperimentazione e dopo aver studiato con Emanuele Vianelli e Fausto Caporali, prosegue il suo percorso in Francia con Pierre Meà. Nel 2016 consegue il “Master en interprétation musicale - Concert” alla Haute Ecole de Musique di Ginevra, sotto la guida di Alessio Corti, per poi concludere il suo percorso alla Haute Ecole de Musique di Losanna, con Jean-Christophe Geiser, nel prestigioso ambito “Master en interprétation musicale spécialisée - Soliste”. Dopo un’esperienza decennale come organista all’Abbazia di San Nazzaro Sesia e alla Cattedrale di Vercelli, Tommaso nel 2016 vince il concorso da organista titolare agli organi dei templi protestanti riformati di Gland e Vich, nel Canton Vaud. Al Tempio di St.Paul di Gland sta curando la costruzione di un nuovo organo Brondino-Vegezzi-Bossi da lui progettato. Nel 2017 in collaborazione con il pastore Andrè Sauter, fonda l’associazione “Orgue en Jeux” di cui è presidente e direttore artistico.  Fra i concorsi di cui è risultato vincitore, spiccano il “Premio Nazionale delle Arti” di Roma indetto dal Ministero della Pubblica Istruzione e il “Prix d’orgue Pierre Segonde” conferitogli dall’ État de Genève.  Ha inciso l’album “Virtuoso Organ Music” pubblicato da IMD, il Cd “Danse Macabre” in collaborazione con Ismez e il cofanetto di 5 cd “Pietro Alessandro Yon: the complete organ works for concert” edito da Brilliant Classics.

Pubblicato il 15 ottobre 2020

Ascolta l'audio   

Altri articoli...

  1. «Incontriamoci», appuntamento il 20 ottobre
  2. Confermati il Vicario generale, i Vicari episcopali e il Vicario giudiziale
  3. Ottobre francescano, serata con poesie
  4. Cosa ci spinge a ricercare le nostre origini?
  5. Chi ama si mette in ascolto
  6. «Insieme, camminare mano nella mano»: la VIDEO testimonianza di Gigi Menozzi e Maria Castellana
  7. In preghiera per il nuovo Vescovo
  8. Una nuova escursione lungo la «Via degli Abati»
  9. Nuovi incarichi per don Lusignani
  10. Grazie a chi ha donato!
  11. «Antelami a Fidenza», dal 10 un percorso museale
  12. Si prega per il Creato
  13. Il 5 messa per la guarigione spirituale
  14. Abusi sui minori: un seminario online
  15. Alla Cattolica la «Giornata del Dono»
  16. Appello della Caritas per l’ambulatorio odontoiatrico
  17. «La peste, tra superstizione, medicina e fede»
  18. Oratorio San Cristoforo, uno splendido gioiello
  19. Biblioteca di strada, tra ambiente e legalità
  20. Riso solidale, Africa Mission al mercato di Carpaneto
  21. Allo spazio XNL Piacenza «La rivoluzione siamo noi»
  22. Dove trovare i banchetti di «Un pasto al giorno»
  23. Torna a Piacenza «Dona una spesa»
  24. «La diocesi nella storia: mappe e disegni»
  25. Al via il progetto «no drop-no out»
  26. A Cena con la Scienza: riflessioni sulla pandemia
  27. Riprendono gli incontri «Dopo di noi»
  28. La Giornata dell'Università Cattolica
  29. Auser, «poesie e serenate sotto le stelle»
  30. Jazz per la missione di Francesca Lipeti
  31. L'Azione Cattolica e il Referendum costituzionale
  32. Figli e ripartenza: webinair per i genitori
  33. I «miracoli» della beata Leonella
  34. Messa a ricordo di don Giorgio Bosini
  35. Le chiese dell'antico quartiere di Sant'Agnese
  36. «Le chiese scomparse di Piacenza», visita virtuale
  37. I nuovi sacerdoti a Pontedell'Olio e Borgonovo
  38. La Festa del Donatore Avis in diretta Facebook
  39. Lugagnano ricorda don Angelo Ferrari
  40. Insegnanti di religione: aprire nuovi cammini

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente