Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore
  • 1
  • 2
Prev Next

Storie d’estate: «La Bruna ci ha portato il sole»

Bruna Nobile, mamma e imprenditrice di se stessa

brunaNobileeBarbara

“Come attività commerciale vado bene d’estate. D’inverno, quando mi sono entrate le otto persone che vengono ogni mattina, posso tornarmene a casa. Da fine dicembre a marzo ci sono solo mezza giornata, negli altri mesi cerco di restare aperta il più possibile. Con quel che guadagno d’estate metto da parte i soldi per pagare luce, gas, tasse, che ci sono tutto l’anno...”.
Bruna Nobile, imprenditrice agricola di Rovaiola, moglie e mamma, il 12 marzo 2017 ha fatto il salto: a Cerignale, con l’apertura della “Bottega della Bruna”, ha salvato - e rinnovato - l’unico negozio di vicinato del paese dell’Alta Val Trebbia.

“Questa bottega nasce da una pazzia”, non esita ad affermare Bruna, che ha creato un negozio suo a 360 gradi, dagli arredi all’organizzazione dei prodotti al laboratorio in cui sforna torte, biscotti, pasta fresca e, ogni sabato sera, la pizza.
“E poi vado a prendere i formaggi del territorio ai Barchi, a Capanni, ad Allegrezze...”.

Bruna fa il servizio spesa a domicilio ed è lei spesso a raccogliere anche le ricette ed andare a ritirare le medicine in farmacia nei paesi vicini.
“Una vita in macchina”, sorride.
Il prossimo progetto è di esportare i biscotti, ma ci sono da sciogliere alcune questioni burocratiche, oltre che fare i conti con le spese.
Per creare la “tabella nutrizionale” necessaria alla vendita a distanza l’investimento è di 400 euro a prodotto e Bruna fa ben otto tipi di biscotti.

“Qui ci ha portato il sole”, ci dice una cliente, mentre stiamo sedute a chiacchierare sui trespoli di legno che ha messo insieme con le sue mani Bruna.
Il valore delle relazioni: qualcosa che non si può vendere e comprare. Ma che un negozio di paese ancora sa produrre.

Barbara Sartori

Nella foto, da sinistra, Bruna Nobile con la collaboratrice Barbara in bottega.

Pubblicato il 21 agosto 2019

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente