Menu

Dal Vangelo secondo Marco (Mc 10,2-12 forma breve)

Creati per amare

In quel tempo, alcuni farisei si avvicinarono e, per metterlo alla prova,
domandavano a Gesù se è lecito a un marito ripudiare la propria moglie.
 Ma egli rispose loro: «Che cosa vi ha ordinato Mosè?».
Dissero: «Mosè ha permesso di scrivere un atto di ripudio e di ripudiarla».
Gesù disse loro: «Per la durezza del vostro cuore egli scrisse per voi questa norma.
Ma dall’inizio della creazione [Dio] li fece maschio e femmina;

per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie
e i due diventeranno una carne sola.
Così non sono più due, ma una sola carne.
Dunque l’uomo non divida quello che Dio ha congiunto».
A casa, i discepoli lo interrogavano di nuovo su questo argomento.
E disse loro: «Chi ripudia la propria moglie e ne sposa un’altra,
commette adulterio verso di lei; e se lei,
ripudiato il marito, ne sposa un altro, commette adulterio».

La nostra vita e la Parola

famiglia in vacanza sirIl ripudio. La questione che i farisei pongono è sulla liceità del ripudio. L’atto di ripudio era una procedura attraverso la quale il marito, a certe condizioni, poteva sciogliere il vincolo che lo teneva legato alla moglie che da quel momento poteva contrarre nuove nozze. L’atto di ripudio era già un passo avanti nella tutela della donna che, in tal modo, non era esposta all’arbitrio dell’uomo. I farisei domandano a Gesù se questo atto è lecito. Già il fatto che il loro interesse sia concentrato sul fatto se un’azione sia lecita o meno è significativo. Chi si pone questo tipo di problemi ha un modo di affrontare la vita quanto meno riduttivo. Basta davvero domandarsi se una cosa sia lecita? È veramente importante sapere quale è il confine oltre il quale io non posso andare? Non è forse più urgente scoprire quale è il bene a cui sono chiamato? Chi si interroga sul lecito e l’illecito si è già arreso al male, gioca in difesa, come le squadre che giocano facendo catenaccio con lo scopo di non prendere gol.  Il calcio non è fatto per non prendere gol, come la vita non è fatta semplicemente per non fare il male ma per fare il grande bene che Dio ha scritto nel nostro cuore quando ci ha creato a sua immagine e somiglianza.
Il cuore. Gesù ha un modo diverso di affrontare le questioni che sfugge alle categorie moralistiche del rigorismo e del lassismo: va al cuore della questione, che riguarda il disegno di Dio e il cuore dell’uomo. “Per la durezza del vostro cuore” Mosè scrisse quella norma. C’è un cuore indurito, sclerotico, un cuore che invece di essere di carne è divenuto di pietra. La difficoltà nel rapporto tra l’uomo e la donna, due esseri simili ma così diversi tra di loro, ha origine da lì.
Quello che rompe l’unità nella diversità è il peccato: è la rottura della comunione filiale con Dio che causa la rottura della comunione tra gli uomini. Dobbiamo dunque arrenderci alla durezza del cuore dell’uomo in un cinismo triste oppure, al contrario, rifugiarci in un ottimismo infantile? Esiste in Cristo la via perché il peccato e la morte non abbiano l’ultima parola sull’uomo? Può davvero Cristo trasformare ciò che il peccato ha distrutto? Non è con una legge più rigorosa e nemmeno con un discorso più convincente che l’uomo viene salvato: ciò che salva è la Grazia di Cristo senza la quale il massimo che l’uomo può fare è limitare i danni. Ma non è per questo che siamo stati creati.
Don Andrea Campisi

Il mondo biblico

Il ripudio a cui fanno riferimento i farisei è normato nel capitolo 24 del libro del Deuteronomio. Se avviene che un uomo trova nella moglie “qualcosa di vergognoso” può scrivere un atto di ripudio e mandarla via di casa. C’erano due scuole che intendevano diversamente quell’espressione “qualcosa di vergognoso”. La prima la interpretava come sinonimo di “qualsiasi motivo”, la seconda in senso più ristretto, come ad esempio casi di adulterio oppure di fornicazione avvenuta prima del matrimonio, o anche casi di sterilità.

I Padri, nostri maestri

Il volere di Dio, accolto e realizzato con tutto il cuore, non è una catena che rende schiavi, ma la condizione di una libertà vera che ha nell’amore la sua pienezza. La Chiesa sa anche - e l’esperienza quotidiana glielo conferma - che quando questo disegno originario si oscura nelle coscienze, la società ne riceve un danno incalcolabile. Certo, le difficoltà ci sono. Ma Gesù ha provveduto a fornire gli sposi di mezzi di grazia adeguati per superarle.

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.