Menu

Il vescovo Adriano Cevolotto in visita alla Banca di Piacenza

vescovo alla Banca piacenza

Il vescovo mons. Adriano Cevolotto ha fatto visita alla Banca di Piacenza, accolto da Amministratori e da Dirigenti oltre che dagli impiegati. Mons. Cevolotto, in particolare, è stato accompagnato nei locali operativi, sulla terrazza dell’Istituto, dove ha avuto modo di ammirare la città a 360 gradi, e nella Sala del Consiglio di Amministrazione (dedicata a quadri di Ricchetti e con un affresco dello stesso autore che è la silloge della storia e dei principali monumenti di Piacenza).
La visita è proseguita a Palazzo Galli, dove il vescovo ha potuto osservare il Museo della Banca nello Spazio Arisi (dove si è particolarmente interessato alla toga di laurea donata alla Banca dal cardinale Casaroli, al quale è come noto dedicata una sala inaugurata tempo fa dal cardinale Parolin), nonché il Salone dei depositanti e le sale al primo piano: tra queste, in particolare, la Sala Panini, la saletta dove è conservato il prezioso Atlas Maior e la Sala Fioruzzi, intitolata al fondatore dell’Istituto e sede della mostra permanente dedicata alla “Collezione Ghittoni”. Mons. Cevolotto si è interessato anche alla ricostruzione - presente in una delle sale - del famoso quadro di Ricchetti “In ascolto” con l’originale viso del Balilla, dipinto che meritò il celebre “Premio Cremona” dell’epoca.

La Banca ha donato all’illustre ospite alcune pubblicazioni dell’Istituto di credito, tra le quali il nuovo libro di Valeria Poli su oltre trent’anni di restauri (in gran parte di edifici religiosi) curati dalla Banca e i volumi dedicati a Palazzo Galli e al cardinale Alberoni. Com’è noto, l’Istituto ospita tuttora nel proprio caveau l’Ecce Homo di Antonello da Messina che il porporato portò da Roma al Collegio di San Lazzaro, dove è abitualmente esposto.

Pubblicato il 26 febbraio 2021

Ascolta l'audio

Ascolta l'audio

Altri articoli...

  1. Cei, le indicazioni per la Settimana Santa
  2. Susanna parlava senza poter parlare
  3. Armida Barelli sarà beata. Altri sette Servi di Dio
  4. Acli: Emiliano Manfredonia è il nuovo presidente nazionale
  5. Il Vescovo ai sacerdoti:«padri non si nasce, lo si diventa»
  6. Firmato il protocollo #eorastudio
  7. Quaresima: «scegli due persone e prega per loro»
  8. Mons. Cevolotto: «Dio restituisce la dignità a tutti»
  9. «Presepi delle campagne», le premiazioni
  10. Il Vescovo in N.S Lourdes: «oggi ci vuole fiducia e una sana incoscienza»
  11. Parte a Piacenza il progetto «#eorastudio»
  12. Mons. Solmi: «Troviamo vie nuove e creative per dire sì alla vita»
  13. La Madonna Sistina di Raffaello «rivive» a Piacenza
  14. Il Vescovo visita il tempio Sikh
  15. Don Borea, un padre anche per noi oggi
  16. Don Lusignani parroco a Nostra Signora di Lourdes
  17. Il Vescovo alle persone consacrate: «è una festa di luce»
  18. La Giornata di preghiera contro la tratta
  19. Mons. Ambrosio celebra per la prima volta nella cattedrale di Massa
  20. È Margaret Karram la nuova presidente dei Focolari
  21. Dal 14 febbraio segno della pace con gli occhi o un inchino
  22. Il Messaggio per la Giornata per la vita
  23. Il Vescovo ai volontari AVO:«siete di grande conforto ai malati»
  24. Presto beato don Giovanni Fornasini
  25. Condividere il dolore della perdita e la fatica della cura
  26. Il messaggio ai giornalisti: «Il Papa invita ad andare controcorrente»
  27. Mons. Cevolotto: «In Cristo noi siamo uniti»
  28. Open Day alle Materne Fism
  29. «Mio fratello Odoardo»: il giornalista cattolico che salvò quello ebreo
  30. Regione, parrocchie in aiuto alla scuola
  31. Regione, mons. Cevolotto delegato per il settore scuola
  32. Servizio Civile, i progetti nel Piacentino
  33. La carta stampata non doveva morire?
  34. «Abbattere i muri», l'esempio di Rio Torto
  35. Al dottor Benedetti il «grazie» dell'Alta Val Tidone
  36. Gli ideali di Chiara Lubich sono ancora attuali
  37. Un anno di riflessione sull'Amoris laetitia
  38. Anche don Camminati nel presepe
  39. «Sarà un Natale meno scintillante, ma non meno autentico»
  40. Zamagni: «Anch’io ho avuto un mentor, era don Benzi»

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente