Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore

Roveleto, il gruppo Caritas in aiuto a 35 famiglie

11roveleto

 

Sono ovunque, nessuno può dire di non conoscerne almeno uno: un dirimpettaio del proprio palazzo, una famiglia incontrata al parco o forse un compagno di classe del proprio nipote. Sono i poveri, alcuni degli otto milioni di persone che in Italia vivono in uno stato di povertà assoluta. Poveri che turbano, che fanno destare giudizi e giustificazioni; poveri circondati da indifferenza ma anche da condivisione ed accoglienza. Ma nessuno è la propria indigenza e il gruppo Caritas di Roveleto opera proprio in questa direzione: dare cibo e ascolto, senza mai togliere dignità. Una Caritas che ha tentato di occuparsi anche di povertà relazionale e di reti sociali, quella che colpisce tanti anziani; ma qui la strada da percorrere è ancora tanta.

Fame di cibo e di attenzione. “la Caritas a Roveleto ha iniziato ad operare nel giugno del 2010 - ha sottolineato Laura Rizzi, referente del servizio - ; i servizi offerti sono il Centro di ascolto e la distribuzione di generi alimentari”. Un servizio che attualmente va incontro a 35 famiglie (tutte con figli a carico) e tutte residenti nel Comune, tra le quali ben 12 sono famiglie italiane. Quasi il 30% delle famiglie aiutate sono nuclei familiari che hanno visto precipitare la loro vita a causa della crisi economica. “Le persone vengono da noi perché hanno perso il lavoro o perché hanno un reddito insufficiente per mantenere la famiglia -ha chiarito la Rizzi-. I primi anni in cui abbiamo attivato il servizio venivano persone che ora non vengono più, alcune hanno una maggiore tranquillità economica mentre altre si sono trasferite; in questo ultimo anno, abbiamo visto passare oltre 210 persone, includendo anche i passaggi occasionali”.

Leggi articolo alla pagina 22 dell’edizione di venerdì 25 marzo 2016

Altri articoli...

  1. La messa del primo sabato del mese
  2. 24 marzo, Giornata di preghiera per i missionari martiri
  3. Caritas Italiana su accordo Ue-Turchia: "su rimpatri può avere effetti drammatici”
  4. Si apre la Settimana Santa
  5. Quaresima missionaria, il volto dei migranti
  6. Giovani e adulti, il desiderio di mettersi in «ascolto»
  7. A Cortemaggiore l'antica Fiera di San Giuseppe
  8. «God's not dead», fede e dubbio s'intrecciano al cinema
  9. Gmg Cracovia: 25mila volontari pronti ad accogliere i giovani
  10. Sae, la storia e il pensiero della riforma protestante
  11. In viaggio a Bangor nel nome di San Colombano
  12. Le Novità di «Kronos»
  13. Giubileo dei giovani
  14. Ucsi, Vania De Luca è la nuova presidente
  15. Nuovi locali per la “Bottega solidale” a San Nicolò
  16. Priscilla, storie di volontari
  17. Un volto in un mosaico
  18. Il corpo racconta
  19. «ifeelCUD»: riparte il concorso nelle parrocchie
  20. Papa Francesco: perdonare come Dio, che “quando perdona dimentica”
  21. «Laudato si'»: presentazione martedì 1° a Punto Incontro
  22. Sabato 5 marzo la Messa dei lettori
  23. A Roveleto il giornalista Federico Buffa
  24. Unità pastorali, cambiamenti nelle loro organizzazione
  25. Mons. Bazzari a Sarmato ha ricordato la figura di don Gnocchi
  26. La confusione di genere si nasconde e prolifera nelle App per bambini
  27. Amnesty International: diritti umani in pericolo e assalto globale alle libertà
  28. La Veglia dei giovani nei vicariati
  29. «I presepi delle Campagne» , tutti i premiati
  30. Il dragone rosso ha rallentato la sua corsa
  31. Bonhoeffer, il pastore luterano ucciso dai nazisti
  32. Il Papa ai giovani messicani: «voi siete la ricchezza» del Paese. «Non lasciatevi escludere»
  33. La Madonna di Guadalupe nella nostra diocesi
  34. «La Bibbia e le donne» mercoledì 17 a «Cultura all'ombra del Duomo»
  35. Francesco Pagano, per 30 anni custode della Curia
  36. La famiglia al centro del Consiglio Presbiterale
  37. Il Collegio S.Vincenzo e la sua Associazione ex allievi
  38. A Roveleto «Il cammino della Misericordia»
  39. Operai della Grazia, da 25 anni in diocesi
  40. 200 giornalisti a Piacenza per la festa del loro patrono

Sottocategorie

  • In Cattedrale è stato ricordato il beato Secondo Pollo

    pollo

    Lunedì 26 dicembre il vescovo mons. Adriano Cevolotto ha presieduto la messa in Cattedrale a Piacenza nella memoria del beato Secondo Pollo, cappellano militare degli alpini. Vi hanno partecipato i rappresentanti delle sezioni degli Alpini di Piacenza e provincia e i sacerdoti mons. Pierluigi Dallavalle, mons. Pietro Campominosi, cappellano militare del II Reggimento Genio Pontieri, don Stefano Garilli, cappellano dell'Associazione Nazionale degli Alpini di Piacenza, don Federico Tagliaferri ex alpino e il diacono Emidio Boledi, alpino dell'anno nel 2019.
    Durante la Seconda guerra mondale, il sacerdote parte per la zona di guerra del Montenegro (Albania), dove trova la morte il 26 dicembre dello stesso anno, colpito da fuoco nemico mentre soccorreva un soldato ferito. 
    Originaio di Vercelli, fu beatificato il 24 maggio 1998 da papa Giovanni Paolo II. 

    Nella foto, il gruppo degli Alpini presenti in Cattedrale con il vescovo mons. Adriano Cevolotto.

    Pubblicato il 27 dicembre 2022

    Ascolta l'audio

    Conteggio articoli:
    16

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente

Il nostro Sito utilizza esclusivamente cookies tecnici e non di tracciamento dell'IP di chi accede. Per saperne di più, clicca qui: Utilizzo Cookies